Luna nata dalla collisione fra la Terra e un altro pianeta

18 ottobre 2012 15:490 commenti

La Luna, il nostro satellite naturale, è nata da un gigantesco impatto: sono anni che si rincorrono teorie del genere che però fino a questo momento non avevano ancora trovato riscontro di alcun genere.

Adesso invece a rafforzare l’ipotesi arrivano tre studi indipendenti: due, pubblicati sulla rivista Science, sono stati presentati in occasione di un convegno della Società americana di astronomia in corso a Reno, in Nevada, l’altro, pubblicato su Nature, è uno studio italiano condotto sulle rocce lunari riportate a Terra dalle missioni Apollo e pubblicata sulla rivista Nature.
Gli studi confermano che la Luna è nata da un’enorme collisione fra la Terra e un altro pianeta delle dimensioni di Marte. L’impatto sarebbe avvenuto circa 4,5 miliardi di anni fa gli studi forniscono per la prima volta non solo la descrizione dell’impatto, ma anche le fasi successive. Stando anche alle simulazioni realizzate da uno studio del Southwest Research Institute verrebbe distrutta la vecchia teoria secondo la quale la Luna si sarebbe formata dall’aggregazione dei materiali rilasciati da un pianeta di grandi dimensioni che si era scontrato con la Terra, ancora molto giovane.


TRACCE DI ACQUA ALIENA SULLA LUNA

Secondo le nuove simulazioni invece l’elevata velocità di rotazione della Terra avrebbe dato origine a un disco di materiali dai quali sarebbe nata la Luna e questo andrebbe anche a spiegare il motivo per cui la composizione chimica del satellite e della Terra è simile.

Dopo l’aggregazione sarebbe seguita una fusione e il calore avrebbe causato l’evaporazione degli elementi chimici più volatili, tra cui lo zinco. Oltre alle simulazioni, la teoria viene confermata dalle analisi effettuate sulle rocce lunari riportate a Terra dalle missioni Apollo e che sono state confrontate con altri campioni terrestri e marziani.






Tags:

Lascia una risposta