Melania Rea procura militare indaga caserma di Parolisi sospetti abusi su soldatesse

7 agosto 2011 07:510 commenti

“Non si tratta di un’inchiesta su Parolisi ma su ciò che sarebbe avvenuto all’interno della caserma, sui rapporti tra superiori e inferiori. Vogliamo approfondire alcune circostanze emerse finora per stabilire se sono raffigurabili reati. Soprattutto  quello previsto dall’art. 146 del codice penale militare di pace: ”Minaccia ad un inferiore per costringerlo a fare un atto contrario ai propri doveri”,  in poche parole “nonnismo”, a spiegarlo il procuratore Marco De Paolis del Tribunale Militare di Roma.

La procura militare, dunque, ha aperto un fascicolo per accertare ciò che accadeva nella caserma “Clementi” di Ascoli Piceno, dove svolgeva la sua attività di istruttore, Salvatore Parolisi, il caporalmaggiore arrestato per l’omicidio della moglie, Melania Rea.

Numerose reclute passate dal Rav Piceno verranno, quindi,  presto convocate dal procuratore militare di Roma che le ascolterà sul comportamento tenuto con loro dagli istruttori.


De Paolis, nel frattempo, ha già acquisito molta documentazione, fatto sopralluoghi, sentito i vertici della caserma, tuttavia ad oggi l’inchiesta non menziona alcun indagato.

Intanto i difensori di Parolisi, Nicodemo Gentile e Valter Biscotti hanno annunciato la forte delusione di Salvatore nel momento in cui “ha appreso con forte dispiacere che già a partire dai primi giorni della scomparsa di Melania, alcune delle persone amiche, fingendo vicinanza, lo spiavano e lo osservavano in tutti i movimenti, registrandone addirittura le parole, per poi, da investigatori aggiunti, consegnare in tempo reale il risultato delle loro attività agli inquirenti”.

“Questa circostanza conferma che Parolisi è stato subito trattato come un indagato, un presunto colpevole in un’indagine con metodo sospettocentrico, con una palese violazione di quei diritti difensivi minimi, insopprimibili, che devono essere invece riconosciuti ad ogni persona e ad ogni indagato”. Hanno aggiunto gli avvocati.

Articolo correlato: Melania Rea tracce di sangue nell’abitazione

Ultimo aggiornamento 06 agosto 2011 ore 09,52







Tags:

Nessun commento

Lascia una risposta