Qual è il paesaggio dietro la Gioconda di Leonardo?

26 novembre 2012 19:220 commentiDi:

Cosa c’è dietro la Gioconda di Leonardo da Vinci? Qual è quel paesaggio?
Questa è solo una delle domande più frequenti sulla Monna Lisa. Uno dei capolavori della storia dell’arte che più ha interessato i ricercatori di tutto il mondo, e che ha aperto anche a diverse speculazioni di tipo esoterico, magico e mistico.
La novità di questi giorni è che la geomorfologa Olivia Nesci, dell’Università di Urbino, e la pittrice e fotografa Rosetta Borchia, hanno presentato uno studio in cui mettono in discussione il luogo dietro al ritratto. Il paesaggio non sarebbe la campagna tra Arezzo e la Val di Chiana, come si è creduto fino ad ora, ma il Montefeltro, la zona dove si trovava l’antico Ducato di Urbino che era un territorio che arrivava a comprendere l’Emilia Romagna, le Marche e la Toscana.
L’ipotesi delle due ricercatrici si basa sull’analisi degli spostamenti di Leonardo da Vinci nel periodo in cui la Gioconda è stata realizzata.
Vista la grandezza del territorio e il fatto che c’era poco spazio nella tavola, Leonardo da Vinci avrebbe utilizzato la tecnica della compressione, che permette di mettere insieme a livello prospettico e in poco spazio un territorio ampio. Questo spiegherebbe anche il fatto che il paesaggio non è lineare.

Tags:

Lascia una risposta