Perché ci appassionano così tanto alle storie di William e Kate?

5 dicembre 2012 16:050 commentiDi:

 

 

 

Sin da piccoli siamo stati abituati a sognare immaginando Re, Regine e castelli. Molti di noi hanno avuto la fortuna di addormentarsi con una storiella, una favola fantastica raccontata da mamma o papà. E anche in età adulta sembra che il piacere per le favole sia rimasto dentro di noi. Le cerchiamo all’esterno, proviamo a realizzarle, a viverle nell’amore e ci appassioniamo, sogniamo con le storie più affascinanti.

Tra queste ci sono sicuramente quelle di William e Kate, i reali d’Inghilterra che hanno fatto sognare molte persone con la loto storia. Una favola, appunto. Lui nipote della Regina e lei ragazza normale, senza sangue blu. La loro storia, il loro amore, il matrimonio, sfarzoso ed elegante, seguito in tutto il mondo come si conviene ad una storia da favola. E ora l’attesa per il bambino tra paparazzi scatenati e curiosità di tutti i tipi.

Ma perché queste storie appassionano così tanta gente?

Sicuramente perché ci piacciono le favole, come abbiamo visto. Ma soprattutto per il meccanismo dell’identificazione. Alle persone piace immaginare, anche per un solo momento, di essere il Principe o la Principessa. Per un attimo staccarsi dalla propria vita regolare per mettersi nei passi di personaggi come loro, con sudditi, televisioni e una vita fiabesca. È l’identificazione che da piacere e porta le persone a seguire questa storia.

 

Tags:

Lascia una risposta