Perché si deve spegnere il telefono in aereo?

28 settembre 2013 10:360 commentiDi:

AereoAfriqiyah

E’ difficile fare a meno del telefono. Soprattutto ora che gli smartphone ci permettono di fare praticamente tutto quello che di divertente si può fare con un computer. Molti non riescono a spegnerlo neanche quando sono in aereo, nonostante sia obbligatorio. Probabilmente sono ignari dei veri pericoli ai quali vanno incontro.

Qui non si tratta dell’ennesima leggenda metropolitana, ma di una serie di indagini e di ricerche che hanno portato a dimostrare che alcuni gravi incidenti aerei sono stati causati dall’uso di un telefono cellulare durante il volo. Un incidente in particolare ha attirato l’attenzione degli esperti: quello di Christchurch nel New Zealand del 2003, che costò la vita ad 8 persone.

► Via libera a tablet e smartphone in aereo


L’indagine eseguita dopo il disastro, infatti, dimostrò che il pilota aveva effettuato una chiamata a casa durante la fase di atterraggio, ossia appena prima dello schianto dell’aereo, e il collegamento telefonico è rimasto attiva negli ultimi 3 minuti di volo. La New Zealand Transport Accident Investigation Commission ha scritto nel rapporto che “il cellulare del pilota potrebbe aver causato la comparsa di indicazioni errate sugli strumenti di controllo della navigazione.

Qual è il motivo?

E’ molto semplice: le onde elettromagnetiche emesse da dispositivi elettronici come cellulari, smartphone, lettori musicali e pc possono interferire con il funzionamento dei dispositivi di controllo di volo, soprattutto quando si tratta di velivoli più datati che non sono forniti di schermature adeguate.

 Le venti peggiori compagnie aeree del mondo

L’uso di cellulari e dispositivi elettronici a bordo, in ogni fase di volo, può bloccare la bussola o disorientare il rilevamento magnetico della posizione a bordo degli aerei, può rendere instabili gli indicatori delle strumentazioni e interferire con le comunicazioni audio del pilota con la torre di controllo.






Tags:

Lascia una risposta