Politica in Italia e in USA, il confronto impossibile

14 novembre 2012 18:000 commentiDi:

Le Elezioni Presidenziali negli Stati Uniti si sono svolte una settimana fa ed hanno visto la rielezione di Obama. Molti politici italiani, di destra e di sinistra, sono stati contenti di questo risultato ed hanno celebrato la democrazia americana. Una democrazia considerata matura e trasparente.
In Italia, non si hanno gli stessi pareri più o  meno concordi sul livello di democrazia. In tutti i casi, la storia e le vicende dei due Paesi non possono essere facilmente confrontabili. Nonostante ciò, alcune cose risaltano alla mente.
Per prima cosa, negli Stati Uniti è ancora viva la “rivoluzione” che ha unito gli Stati. Tutti indipendenti e tutti uniti, con un livello di nazionalismo mai becero è molto stabile.
Inoltre, negli Stati Uniti i partiti politici sono sempre due, Democratici e Repubblicani. Cambiano i politici, gli attori e i protagonisti, ma i partiti, nel nome e nell’ispirazione, non cambiano mai.
In Italia, invece, sembra che i nomi dei partiti, così come le alleanze, cambiano continuamente, mentre i politici, i protagonisti, sono sempre gli stessi. C’è qualcosa che divide gli italiani sempre di più invece di unirli e c’è disaccordo rispetto a molti aspetti della vita civile e sociale.
Gli Stati Uniti non sono migliori dell’Italia, non è questo il livello del discorso. Sono due Paesi diversi, ma certi aspetti della democrazia non si inventano.

 

Tags:

Lascia una risposta