Riduzione tasse, Monti ha la ricetta

3 dicembre 2012 20:020 commenti

Mentre tiene banco la vicenda Imu (proprio in questi giorni alcuni esperti hanno spiegato perché l’Imu è una trappola), il Governo si mobilita per ridurre la pressione fiscale e lo fa attraverso la voce più importante, quella del Premier Mario Monti. Il Premier ha parlato di tasse da diminuire e di investimento sul capitale umano nel 2013 .

Il “Professore”, intervenendo a Verona alla riunione degli Stati Generali del Centro-Nord ha dimostrato di avere le idee chiare in merito, dichiarando che senza dubbio “Occorrerà ridurre la pressione fiscale ma ci sono dei limiti e una dinamica temporale attraverso cui questa cosa sarà possibile. La lotta all’evasione va affinata, migliorata vanno evitati eccessi ma è una guerra che deve proseguire e vorrei che la classe politica avesse un senso di urgenza in questo senso così come per la legge elettorale”.

►Monti parla di tasse da diminuire e di investimento sul capitale umano nel 2013.

Non è questo l’unico argomento trattato. Sempre in questi giorni i dati economici parlano di 8,5 milioni di italiani a rischio in termini di impiego stabile e retribuzione continua. Così Monti ha voluto concentrare l’attenzione anche sul tema ‘Occupazione’ e sulle prospettive economiche di un’Italia dal futuro sempre meno certo.

Il desiderio del Premier è che il 2013 “Possa essere l’anno di uno straordinario investimento in capitale umano, da parte di tutte le forze del paese, soprattutto per sostenere i giovani. Se lo Stato da solo non ce la fa, non vuol dire che non ce la facciano gli italiani insieme”.

Sempre a proposito di occupazione, Monti ha parlato di politiche economiche messe in piedi dal Governo. Per il Primo Ministro esse non sono la miccia che fa scoppiare il trend negativo. Per trend negativo (da rimuovere) Monti intende per l’appunto tutto ciò che gira intorno a recessione e disoccupazione. Monti si è detto “Molto sensibile al problema disoccupazione ma non ritengo che il governo potesse fare diversamente da quello che ha fatto”.

Tags:

Lascia una risposta