Come cambia il contratto a tempo indeterminato con la riforma del lavoro

Il Jobs Act che è la versione renziana della più classica riforma del lavoro, introduce dei cambiamenti anche per coloro che stipuleranno un contratto a tempo indeterminato, mentre poco o niente cambierà per chi questo contratto lo ha già sottoscritto.

È probabile che dall’annuncio riguardo la volontà del governo di ridurre le tipologie contrattuali, all’effettiva applicazione della riforma che riguarda anche i contratti a tempo indeterminato, ci sarà uno stallo nelle assunzioni. Per quale motivo?

Perché con la riforma del lavoro Renzi-Poletti, non cambia nulla per chi ha già un contratto di lavoro a tempo indeterminato ma per chi potrebbe contrarlo dopo l’entrata in vigore del Jobs Act, qualcosa cambia, sia lato lavoratori, sia lato aziende. Ad onor del vero dobbiamo dire che per i lavoratori già assunti i cambiamenti riguarderanno in maniera generalizzata l’articolo 18 e lo Statuto dei Lavoratori, nonché le regole di reintegro in caso di licenziamento ingiustificato.

Torniamo ai nuovi assunti. Per loro il contratto a tempo indeterminato sarà a tutele crescenti in base all’anzianità di servizio. Questa tipologia contrattuale sarà offerta ai giovani che entrano nel mondo del lavoro, ai disoccupati riassorbiti dalle aziende e agli impiegati che si spostano da un’azienda all’altra. Su come saranno gestiste e ampliate gradualmente le tutele, non è stata fatta chiarezza ma si ipotizza che ci saranno modifiche triennali e la possibilità di reintegro sarà possibile soltanto dopo un tot di anni.

> Contratti a progetto verso abolizione, cosa cambierà per i cocopro?

Nel caso in cui il doppio binario contratto a tempo indeterminato classico e lavoro a tempo indeterminato a tutele crescenti, non fosse plausibile, per i vecchi assunti ci saranno novità legate in particolare all’articolo 18 che rende meno stringenti le regole per il licenziamento e un po’ più vaghe le possibilità di reintegro.

> Riforma pensioni 2014-2015: novità su donne, usuranti e precoci?

Per le aziende sono previsti sgravi sulle assunzioni ma a riguardo le carte saranno svelate con la Legge di Stabilità che dovrà sbrogliare parecchi nodi anche in merito alle pensioni dei quota 96 e dei quota 97. In pratica la Ragioneria di Stato sta prendendo tempo per capire se ci sono le coperture economiche per le riforme del governo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.