Rocce marziane simili a quelle terrestri

1 novembre 2012 11:510 commenti

Il rover della Nasa Curiosity continua la sua missione su Marte portando all’attenzione degli scienziati una serie di scoperte che suonano come conferme. Stavolta Curiosity ha fotografato due rocce del pianeta rosso, Et-Then e Burwash rinvenute all’interno dell’area del cratere Gale chiamata Rocknest.

Sembra che le due rocce in questione siano piuttosto simili a quelle terrestri, in particolare alle rocce che si trovano nelle isole Hawaii, sulle pendici del vulcano Mauna Kea o molto simili alla valle di Cuatro Cienegas in Messico.


È un recente condotto dall’Università Nazionale Autonoma del Messico e pubblicato sulla rivista Astrobiology a sostenere che l’area del cratere dove si trova attualmente Curiosity dimostra di avere rocce e paesaggio simili alla valle messicana. Entrambi sono ricche di gesso: nella valle di Cuatro Cienegas il gesso presente sarebbe stato causato dall’interazione fra il magma e al di sotto del fondale oceanico e l’acqua del mare. Su Marte invece la presenza del gesso, confermata da Opportunity, un altro rover Nasa, sarabbe stata causata dall’impatto di un grosso meteorite schiantatosi sul pianeta.

CURIOSITY SCOPRE MACCHIA BIANCA SU MARTE

La somiglianza fra la valle messicana e il paesaggio marziano potrebbe anche confermare la presenza di forme di vita primitiva su Marte visto che la palude di Cuatro Cienegas è popolata da comunità batteriche primitive. Ma la zona del cratere Gale mostra anche inaspettate somiglianze da un punto di vista mineralogico ai materiali basaltici delle rocce del vulcano Mauna Kea, nelle Hawaii. In questo poi la presenza di rocce del genere andrebbe anche a confermare la presenza, almeno antica, di acqua corrente che ne avrebbe causato la composizione chimica.






Tags:

Lascia una risposta