Sabina Began una delle preferite del premier: è stato solo per amore

16 settembre 2011 08:400 commenti

Sabina Began “l’ape regina” delle partecipanti ai festivi del premier, tra le otto persone a cui militari della Guardia di Finanza stanno notificando l’avviso di conclusione delle indagini preliminari che contiene 28 capi di imputazione, racconta: 

“Berlusconi mi ha avvicinato a Dio perche lui ama Dio ed è una persona di fede. Per me è un maestro di vita, un saggio e un santo. Lui è un puro. E’ come un Ghandi”, confida la Began, che sostiene di aver fatto tutto solo ed esclusivamente “per amore”.  

Sabina Began, una delle preferite del presidente Berlusconi, é indagata dalla procura di Bari per aver “favorito e sfruttato” la prostituzione. Oltre che al Capo di Governo, il suo nome è stato accostato anche al vicepresidente di Futuro e Libertà, Italo Bocchino per via degli sms che i due, a detta di lei, si sono scambiati durante l’estate, in cui sono stati anche paparazzati a Ravello. 

Secondo i pm la Began ha giocato diversi ruoli nell’affare: tra il 30 agosto e il 6 settembre del 2008, assieme all’imprenditore barese Tarantini “recluta” Vanessa Di Meglio, Sonia Carpentone e Roberta Nigro per portarle a palazzo Grazioli e prostituirsi con il Cavaliere. Che secondo quel che si legge sul capo d’imputazione, avrebbe fatto soltanto Vanessa. 

Negato, tuttavia dalla Began che afferma a Vanity Fair: “é una menzogna. Il presidente è un padrone di casa eccezionale, un grande istrione. E poi io non ho mai presentato nessuna ospite a Berlusconi e non ho certo fatto dei casting per conto suo”. 

Per lei non ci sono mai state orge e l’unica cosa che conta è il suo rapporto con il Cavaliere. “Io amo il presidente Berlusconi mi sento fortunata a difenderlo perché nessuno lo difende”.

Articolo correlato: Berlusconi Tarantini. Manuela Arcuri rifiutò l’invito 

Ultimo aggiornamento 16  settembre  2011 ore 10,40

Tags:

Nessun commento

Lascia una risposta