Salvatore Parolisi “Ho bisogno di voi per uscire da questa ingiustizia”

11 agosto 2011 18:474 commenti

Il caporalmaggiore dell’esercito, Salvatore Parolisi agli arresti in carcere con l’accusa di omicidio della moglie Melania Rea, ha voluto trasmettere una lettera alla redazione di Quarto Grado, ma più precisamente all’attenzione della giornalista Ilaria Mura e del marito, una missiva confidenziale, nella quale giungono le sue sensazioni di solitudine e i suoi messaggi di richiesta di aiuto.

Tgcom ha voluto pubblicare alcuni passaggi della lettera che Salvatore ha voluto scrivere dal carcere di Teramo, dove si trova in detenzione:

“Non avrei mai pensato di scriverti in questa situazione. L’ho tradita ma non l’ho ammazzata. In termini di legge il tradimento non costituisce nessun reato, allora non mi spiego il motivo della mia permanenza qui, in carcere”.
“Ho bisogno di tutti voi per acquisire sempre più fiducia in me… per uscire da questa ingiustizia.

Le mie lunghe e interminabili giornate le trascorro, leggendo scrivendo e pregando con quella poca fede ancora rimastami e con l’aiuto di persone estranee che mi inviano lettere per offrirmi la loro solidarietà. Non tutti mi hanno già condannato … dirvi come sto io adesso solo Dio lo sa, ma sono un combattente, non mollo facilmente e combatterò fino a quando dimostrerò la mia innocenza, per la memoria di mia moglie e per mia figlia. A volte chiudo gli occhi e rivedo tutta la mia vita, partendo da quelle immagini del mio matrimonio che voi avete trasmesso in Tv (a Quarto Grado), Bè cosa vedo io? L’immagine di un ragazzo con lo sguardo smarrito che con un si segna il suo destino.

Quel ragazzo, volontario in Kosovo, in Afghanistan, con una grande e sana voglia di vivere, di sperimentare nuovi orizzonti, di sognare… Quell’anima gentile non esiste più. Tutti coloro che mi hanno distrutto la vita frantumando i miei sogni non troveranno mai pace finchè io sarò in vita. Adesso sono un ragazzo sommerso dall’odio, frustrato, debole, che affonda nel suo sgomento il suo dolore… Nel cuore una grande voglia di vita e speranzoso di poter al più presto ridere e stringere forte al mio petto la mia piccola Vittoria…

Mi sta mancando la voglia di vivere, penso che forse sarebbe stato meglio che avessero ammazzato me quel giorno. Mi mancate tutti, Melania, Vittoria, la mia famiglia, gli amici, la mia vita.

Leggi anche: Melania Rea procura militare indaga caserma di Parolisi sospetti abusi su soldatesse

Ultimo aggiornamento 11 agosto 2011 ore 21,40

Tags:

4 commenti

  • Parolisi sa parlare l’italiano a malapena, figurarsi scrivere con questa proprietà di linguaggio, e con questa successione di idee così ben congegnate. Questa lettera l’ha scritta con ogni evidenza l’avvocato Biscotti, che prepara così l’unica strategia che gli è rimasta, quella di influenzare l’opinione pubblica con pretesti psicologici da quattro soldi: vorrebbe forse spiegare il Parolisi, di essere stato circuito o costretto da qualcuno a sposarsi? E le sue infelicità matrimoniali possono giustificare un comportamento così sleale ambiguo fedifrago? Ma per piacere. Ci desse qualche prova reale della sua innocenza, cominciasse a smontare tutto l’impianto inverosimile di balle che ha messo su maldestramente, e parli con i giudici anziché ai giornalisti di gossip o di trasmissioni ad alta frequenza. ma è chiaro che questa è solo una mossa , assai maldestra, per influenzare l’opinione pubblica.Gli avvocati nonhanno più assi nella manica.

  • casali marina

    ma se srivi ai giornalisti se ghi manca Melania , la figlia, la famiglia e amici di sempre perchè scrive nello stesso tempo che “” ama da impazire””” Ludovica”

  • casali marina

    Ma lui se scrive ai giornalisti che ghi manca Melania , la figlia, la famiglia e amici di sempre perchè scrive nello stesso tempo a Ludovica che “” ama da impazire””” qui c’è il suo controsenso. Se lui fosse veramente estraneo all’omicidio si comporterebbe diversamente Prima-o avrebbe mentito agli inquirenti della sua storia con Ludovica e non avrebbe cercato a tutti costi cancellare tutte le tracce del loro legame su Facebook .°Per quanto può essere per lui imbarrazzante ammettere davanti alla famiglia di Melania di questa storia-è sempre meglio di tacere che di conseguenza lo aveva portato di avere scarsa credibilità da parte di investigatori.
    Secondo, se lui fosse davvero estraneo alla faccenda avrebbe dovuto come reazione di fronte di ciò che accaduto di avere un senso di avversione verso Ludovica invece di “amarla da impazzire”. Questo sarebbe una logica sequenza alla improvvisa perdita di amata moglie in modo così tragico e cruente quando si è di fronte di realtà che non tollera più una presenza ingombrante della Ludovica – concausa quasi certa di avvenuto omicidio. Ovviamente questi ragionamenti sono validi se salvatore fosse veramente estraneo, ma diventino logici se lui è colpevole. Inoltre a mio parere Salvatore è una persona un pochino squallida da punto di vista morale, non è di meno la sua amante . Di fronte al problema di eventuali assegni di mantenimento in caso di separazione e altri vantaggi economici che susseguono perché la separazione sarebbe certamente con l’addebito di colpa, perché Melania avrebbe tirato in ballo la storia di Ludovica al Tribunale e la separazione sarebbe stata giudiziaria, i due si comportano da avidi meschini che non vogliono neanche che Melania ricevesse quello che le spetta secondo la legge. Se fossero la persona per bene avrebbero dato al momento della separazione alla Melania quello che le spetta e anche di più per uscire dalla scena con classe, da gentiluomo, lei è sempre la madre di sua figlia! Ludovica, invece di invocare che Melania se la dovrebbe cercare il lavoro, dovrebbe stare zitta e pensare che due persone con stipendio di militari graduate giovani e con carriera davanti possono vivere bene senza alcun bisogno economico e non avere preoccupazioni per futuro. Perciò Ludovica non dovrebbe attaccarsi ai soldi di Salvatore. piuttosto cercare di farlo lasciare alla moglie tutto che è possibile!;

  • non mi fai pena per niente,smetti di farti scrivere queste lettere(si sente benissimo che non son farina del tuo sacco) dovevi essere sincero fin dall’inizio e soprattutto lo dovevi essere con tua moglie……povera Melania e povera la tua bambina…..per fortuna che ha dei nonni e uno zio che spero le insegni quei valori che tu non sai nemmeno che esistano…… anche se non l’hai uccisa non sei un uomo……mi ribrezzo!

Lascia una risposta