Sarah Scazzi l’ha uccisa Sabrina dice Michele in un intercettazione

12 novembre 2011 09:581 commento

Dagli atti dell’inchiesta trapela un’altra intercettazione di una conversazione intercorsa l’8 novembre 2010, tra Michele Misseri e una nipote, nella quale in dialetto, Michele confesserebbe di aver soppresso il cadavere di Sarah Scazzi ma di non averla uccisa. Lui si sarebbe addossato la colpa per coprire la figlia Sabrina.

Questa intercettazione è stata depositata durante l’udienza preliminare di ieri, nella sua versione integrale. Nel colloquio con la nipote, il Misseri avrebbe aggiunto che il 26 agosto 2010, il giorno del delitto, avrebbe voluto chiamare i carabinieri, ma insieme agli altri familiari decisero di fare i furbi che solitamente finiscono «fiacchi», che in dialetto locale significherebbe «fanno una brutta fine».


Intanto durante l’udienza preliminare di ieri, la Procura di Taranto ha detto no alla scarcerazione di Cosima Serrano e Sabrina Misseri, è stato infatti depositato il parere negativo alle istanze di scarcerazione che erano state presentate lunedì al gup dai difensori delle due donne. Cosima Serrano, in aula, ha rilasciato spontanee dichiarazioni nelle quali ribadisce: “Non ho mai dato suggerimenti a Michele”.

Per quanto riguarda la macchia rilevata sul sedile posteriore dell’auto di Cosima Serrano non è di Sarah Scazzi, né tantomeno è di natura biologica. È la conclusione a cui è giunto il perito del gup di Taranto.

Articolo correlato: Sarah Scazzi Valentina Misseri conosce la verità

Ultimo aggiornamento 12 novembre 2011 ore 10,58






Tags:

1 commento

  • famiglia di orchi! chi sia materialmente l’assassino forse non si saprà, ma tutti e tre sono conniventi, poichè si sono coperti l’uno con l’altro aiutandosi a far sparire corpo e tracce, quindi nel dubbio (non una assoluzione per mancanza di prove come dice qualche esperto, sarebbe scandalosa), ma concorso in omicidio almeno spero che questa volta i colpevoli non se ne vadano per il mondo ,visto perugia…e diventino divi!!

Lascia una risposta