Sarah Scazzi oggi a un anno dalla sua morte ancora tanti misteri e molte bugie

26 agosto 2011 08:240 commentiDi:

Era il 26 agosto agosto 2010, quando Avetrana, una piccola località in provincia di Taranto divenne tristemente famosa per un delitto, per un brutale omicidio in cui vide la morte una ragazzina di soli 15 anni, Sarah Scazzi. 

Sarah svanì nel nulla sulla strada che portava direttamente all’abitazione della sua “seconda famiglia”, come lei era solita denominarla, quella cugina, zio e zia che avrebbero dovuto proteggerla dalle avversità, si sono rivelati invece, parenti serpenti

Sarah Scazzi, uscita nel primissimo pomeriggio per andare al mare con la cugina Sabrina Misseri, non ci è mai arrivata. 

La bambina sparisce e non si sa più nulla, forse è stata rapita da qualche forestiero. Poi, ecco arrivare la confessione dello zio Michele Misseri che, dopo 42 giorni, fa ritrovare il corpo senza vita di Sarah. E’  la sua prima verità quella che racconta di averla uccisa e poi violentata. E’ un susseguirsi di confessioni, smentite, accuse da parte del Misseri, poi arrivano gli arresti e poi ancora altri arresti.  

Ma da quel giorno, dopo un anno esatto, la verità sembra essere ancora molto lontana.  

Oggi, di certo, c’è solo il dolore di una famiglia che si costituirà parte civile nel processo che inizierà lunedì 29 agosto.

Per i pm gli assassini sono la cugina e la zia della piccola Sarah: Sabrina Misseri (24 anni) e Cosima Serrano Misseri. Per i giudici il movente è la gelosia nutrita da Sabrina nei confronti della cuginetta,  entrambe infatuate di Ivano Russo, un amico in comune e Cosima avrebbe preso tutte le difese della figlia.

Michele Misseri avrebbe eliminato il cadavere, aiutato da un fratello e un nipote. Il processo, ora, vede coinvolti 13 imputati. Dei quali i principali sono: Sabrina Misseri e la madre Cosima Serrano. 

Oggi Avetrana si raccoglierà per partecipare ad una messa che sarà celebrata in memoria della povera Sarah Scazzi.

Ultimo aggiornamento 26 agosto 2011 ore 10,20           

Tags:

Nessun commento

Lascia una risposta