Scoperta circolazione sotterranea di acqua su Marte

12 luglio 2012 10:320 commenti

L’acqua su Marte scorreva in profondità, tra le rocce del sottosuolo. È quanto emerge dai nuovi dati provenienti da Marte e inviati sulla Terra dalla sonda Mars Express dell’Agenzia spaziale europea (Esa). I dati sono stati raccolti attraverso le analisi delle rocce riemerse nei crateri causati che sono stati causati dall’impatto con antichi asteroidi.

Per gli studiosi, l’analisi dei crateri rappresenta generalmente un notevole bacino di dati per poter risalire al passato del pianeta: attraverso i crateri si può risalire al materiale che in passato era nascosto sotto la superficie rivelandone molto. I nuovi dati della sonda Mars Express e della sonda Mars Reconnaissance Orbiter  (Mro) della Nasa provengono dai crateri della regione degli altopiani meridionali di Marte, detta Tyrrhena Terra.

TROVATE FORME DI VITA ALIENA SU MARTE

Attraverso l’analisi della chimica di rocce delle pareti dei crateri e delle zone circostanti, gli scienziati hanno identificato 175 siti con minerali formati che possono formarsi solo in presenza di acqua, i cosiddetti silicati idrati. Proprio questi silicati sono rinvenuti in ogni cratere analizzato fino a decine e decine di chilometri in profondità. Secondo Damien Loizeau dell’Esa, coordinatore dello studio questa è la prova inequivocabile che l’acqua sotterranea  che vi ha continuato a scorrere per molto tempo fino ad averne alterato la chimica.

SCOPERTO MISTERIOSO MONOLITE SU MARTE

La circolazione dell’acqua in profondità risalirebbe a 3,7 miliardi di anni fa, prima, ovviamente prima che si formassero i crateri osservabili in questo momento. Meno probabile che le rosse in superficie tra i crateri abbiano subìto nel corso degli anni modifiche a causa dell’acqua.

Tags:

Lascia una risposta