Scoperta tomba di Alessandro Magno?

30 ottobre 2012 19:320 commenti

La scoperta della tomba del re macedone Alessandro Magno potrebbe essere sempre più vicina. Ne sono certi gli archeologi in seguito a una serie di studi approfonditi sulla città di Alessandria D’Egitto, dove si crede che Alessandro Magno sia stato effettivamente seppellito.

Secondo il recente studio condotto da Giulio Magli e Luisa Ferro del Politecnico di Milano e pubblicato sull’Oxford Journal of Archeology, la città sarebbe stata fondata seguendo una logica simbolica e la sua strada principale sarebbe stata realizzata secondo un preciso allineamento del Sole all’alba del 20 luglio 356 a.C., un giorno molto speciale evidentemente visto che coincide con la nascita di Alessandro Magno. La città è indissolubilmente legata alla figura del condottiero macedone esaltata dalle sue più celebri attrazioni, l’enorme faro e la biblioteca più grande dell’antichità. Secondo i due studiosi l’allineamento della strada principale con il Sole è visibile anche ora e all’epoca aveva anche un legame speciale con la stella Regolo nella costellazione del Leone conosciuta nell’antichità come la stella dei re.


Gli studi condotti sulla città di Alessandria D’Egitto hanno messo in evidenza non solo il fatto che le città antiche venissero fondate seguendo specifici segnali simbolici, ma ha rilanciato la teoria secondo cui la tomba di Alessandro Magno, seppellito dal suo generale Tolomeo, potesse essere stata collocata al centro di un preciso orientamento astronomico, esattamente come è avvenuto nella realizzazione della strada principale della città.

La scommessa degli archeologici sta proprio nell’individuare la collocazione della tomba seguendo queste nuove direttive. Restano comunque in piedi altre teorie: secondo alcuni la tomba di Alessandro Magno si troverebbe a nell’oasi di Siwa, non lontana da Alessandria d’Egitto, secondo altri addirittura in Grecia.






Tags:

Lascia una risposta