Scoperto sistema planetario con due soli

29 agosto 2012 14:010 commenti

Ebbene sì. I sistemi planetari con due soli non sono fantascienza, ma esistono davvero. A identificare il primo sistema planetario con due soli, chiamato Kepler 47, è stato il telescopio spaziale Kepler della Nasa. Lo studio, coordinato da un gruppo di ricercatori dell’Università della California a San Diego, dimostrerebbe senza ombra di dubbio che i sistemi planetari riescono a formarsi e sopravvivere anche in situazioni problematiche, come la presenza contemporanea di due stelle.

E non è tutto: sembra infatti che Kepler 47 sarebbe anche in grado di ospitare forme di vita, almeno teoricamente. Kepler 47 si trova a 5.000 anni luce di distanza, all’interno della costellazione del Cigno: il nuovo sistema planetario è formato da due pianeti, Kepler 47b e 47c. Tutti e due i pianeti ruotano intorno a una coppia di stelle molto vicine che a loro volta ruotano attorno a un centro di gravità comune ogni 7,5 giorni.

Una delle due stelle del pianeta è simile al nostro Sole, l’altra è più piccola, pari a un terzo della prima e decisamente più debole. Al momento sono stati identificati due pianeti: il primo, il più interno, ha un diametro di circa tre volte quello della Terra, e si trova molto vicino ai due soli, mantenendo un periodo orbitale di 49 giorni. Il pianeta più esterno sembra essere invece simile ad Urano e il ciclo orbitale dura 303 giorni. 

Sarebbe proprio il secondo pianeta a trovarsi nella cosiddetta zona abitabile: si tratta di una zona che si trova alla distanza ideale delle due stelle il che consentirebbe almeno teoricamente di mantenere sulla sua superficie l’acqua allo stato liquido. In realtà è difficile che possa esistere qualche forma di vita su un pianeta probabilmente di forma gassosa, ma è pur vero che questo dimostrerebbe che anche intorno alle stelle doppie possono esistere dei pianeti abitabili, almeno teoricamente. 

Tags:

Lascia una risposta