Steve Jobs emblematico patron di Apple è morto

6 ottobre 2011 07:001 commento

Il creatore di Mac, di iPod e di iPhone è morto, ieri, mercoledì, in California all’età di 56 anni, ucciso dal cancro al pancreas. 

Steve Jobs, il proprietario emblematico di Apple, che aveva creato i successi della telefonia, è stato sconfitto da quella malattia che combatteva da lungo tempo. 

“Siamo profondamente addolorati nell’annunciare che Steve Jobs è deceduto oggi„, indicava un breve comunicato del Consiglio di Amministrazione. “Apple ha perso un incredibile ideatore dell’ingegneria, e il mondo intero ha perso un eccezionale essere umano”, ha dichiarato il suo successore a capo di Apple, Tim Cook, in un messaggio indirizzato ai dipendenti del gruppo. “Steve lascia dietro di sé un’azienda che solo lui  poteva costruire e il suo spirito sarà per sempre la base di Apple„, ha proseguito. 

Nato a San Francisco il 24 febbraio 1955, Steve Jobs soffriva di gravi problemi di salute da diversi anni. Nel 2004 aveva contratto una rara forma di tumore del pancreas e, nel 2009, ha subito un trapianto del fegato. 

In malattia dallo scorso mese di gennaio, aveva annunciato le dimissioni dal suo incarico di direttore generale il 24 agosto, cedendo le redini al suo numero due, Tim Cook. Era riapparso poi, brevemente al pubblico, molto dimagrito, per presentare la nuova versione dell’ iPad, il tablet di Apple. 


Il successo di Apple da quando Steve Jobs ne aveva ripreso i comandi dopo dodici anni di assenza appare indissociabile dalla sua persona. Apple è diventata la seconda potenza del mercato azionario mondiale dopo la petrolifera Exxon Mobil. 

Carismatico, immaginario, perfezionista, ma qualificato anche implacabile o dittatoriale, Steve Jobs possedeva un’eccezionale personalità.

“È un miscuglio unico tra artista e ingegnere che ha realizzato un grandiosa impresa, una delle più importanti della storia degli Stati Uniti.„ ha dichiarato il presidente di Google,  Eric Schmidt, che un tempo era nel consiglio di amministrazione di Apple.

Bill Gates, co-fondatore di Microsoft, lo descriveva come l’individuo più stimolato dalla professione, mentre il presidente Barack Obama vedeva in lui l’incarnazione del sogno americano. 

Steve Jobs aveva fondato Apple alla fine degli anni 1970, con il suo amico Steve Wozniak, lavorando nel garage della famiglia in Silicon Valley. I due hanno lanciato il loro primo elaboratore, Apple 1, seguito da Apple 2 il cui successo ha collocato la nuova impresa a capo del mercato nascente dell’informatica personale. 

L’entrata di Apple in borsa nel 1980 ha fatto di Steve Jobs un multimilionario

Articolo correlato: Steve Jobs quelle tristi foto sarebbero false

Ultimo aggiornamento 06 ottobre 2011 ore 09,00






Tags:

1 commento

  • mauro farinacci

    addio peccato che manchi la forza delle idee ,usano questo mezzo per dire iniquità,ciao steve

Lascia una risposta