La strategia dello slowplay nel poker Texas Hold’Em

8 dicembre 2012 23:410 commentiDi:

Nel poker Texas Hold’Em uno degli obiettivi principali è quello di essere imprevedibili. Infatti, per vincere a poker è importante capire come giocano gli altri giocatori e comportarsi di conseguenza. Nello stesso tempo, è fondamentale non dare punti di riferimento agli altri giocatori e sorprenderli con giocate inaspettate e nuove.

Ci sono diverse strategie di gioco che possono essere adottate per raggiungere questo obiettivo. Si può, ad esempio, utilizzare la tecnica del check-raise quando la situazione di gioco lo permette, organizzare bluff al momento giusto e utilizzare la tecnica dello slowplay.


Le strategie del check-raise nel poker Texas Hold’Em

Questa tecnica è rischiosa, ma può permettere di vincere piatti più grandi. La tecnica consiste nel nascondersi, cioè nel non fare capire agli altri giocatori di avere un punto alto in mano. Si fa check e call, senza fare raise, anche avendo una mano molto buona e cercando di indurre gli avversari a puntare e a restare nella mano. Alla fine, quindi, si può vincere un piatto più alto. Il rischio, però, è che qualcuno degli altri giocatori migliori la sua mano e quindi vinca il piatto.

Bisogna quindi stare attenti a come si utilizza questa strategia e considerare il gioco degli altri giocatori. È fondamentale non utilizzare troppo spesso la strategia dello slowplay per non rischiare di essere troppo prevedibili.

 






Tags:

Lascia una risposta