Svelata reale funzione di Castel del Monte?

4 ottobre 2012 11:000 commenti

Che Castel del Monte, castello costruito in Puglia nel XIII secolo e residenza di Federico II di Svevia, abbia sempre catturato l’attenzione di curiosi e ricercatori di ogni genere, è cosa nota. Adesso però a svelare qualcosa in più misterioso Castello dall’inedita forma geometrica ci ha pensato anche un nuovo, recente studio di due ricercatori del Politecnico di Bari certi che Castel Del Monte avrebbe giocato un ruolo chiave come residenza imperiale per la cura del corpo e dello spirito.

Già patrimonio dell’Umanità dell’Unesco, Castel Del Monte è una costruzione architettonica del tutto unica per la forma geometrica unica che rispecchia l’umanesimo del grande Federico II di Svevia. Esistono oltre 500 studi anche internazionali su Castel Del Monte, ma nessuno è riuscito a spiegare con esattezza il ruolo di questo castello, anche se la nuova ricerca del Politecnico, che pure non smette d’interrogarsi sull’unicità della struttura, molto diversa rispetto agli altri edifici medievali, sostiene che la struttura fosse un tempio dedicato alla cura del corpo e dello spirito.


In pratica Federico II aveva voluto ricreare un tempio, simile, ma ancor più sontuoso di tutti quelli che aveva già precedentemente ammirato. Castel del Monte fu costruito con l’intento di diventare un tempio per lo spirito, ma anche per  la cura della bellezza, ma soprattutto per la ricerca dell’immortalità che, a dire di Federico, gli spettava di diritto in quanto imperatore. Castel del Monte sarebbe nato come una sorta di centro di benessere, sulla scia degli hamman arabi ispirati a loro volta dalle pratiche romane.

I due studiosi hanno anche provveduto a ricostruire il castello mostrando le immagini di come doveva apparire nel 1200 concepito per poter rispondere alle esigenze dell’imperatore e dotato di 5 cisterne pensili (2 a piano terra) 5 grandi camini e tutte le superficie interne ideate per poter raccogliere e veicolare acqua corrente con tanto di vapori e variazioni di temperatura. 






Tags:

Lascia una risposta