Svelato archivio segreto del Vaticano

21 giugno 2012 10:140 commenti

Dallo scorso 29 febbraio e fino al 9 settembre è in corso a Roma la mostra “Lux in Arcana”- L’Archivio Segreto Vaticano”. Un evento imperdibile allestito presso i Musei Capitolini che propone per la prima volta cento documenti originali dell’Archivio Segreto Vaticano.

La mostra è stata allestita in occasione del IV Centenario dalla fondazione dell’Archivio Segreto Vaticano: l’obiettivo è di raccontare e mostrare per la prima volta ai visitatori che cosa è esattamente. l’Archivio dei Papi. Ogni documento esposto viene esposto attraverso una serie di approfondimenti multimediali, che possono essere proiezioni, grafica dinamica o video su schermi ultrapiatti, in modo tale che il visitatore riesca a inquadrare nel migliore dei modi il contesto storico e approfondire le storie dei personaggi.


La mostra si apre  con la Sala degli Orazi e Curiazi che ospita “Il Custode della Memoria”: all’interno si trovano moltissimi documenti conservati nell’Archivio dei papi, dai diplomi agli editti, dalle bolle alle lettere dall’VIII al XX secolo d.C. Provenienti da tutto il mondo. Fra i documenti esposti è possibile ammirare carte che testimoniano la storia, dalla bolla Inter cetera di Alessandro VI sulla scoperta del nuovo mondo, agli atti del processo di Galileo Galilei, dall’editto di Worms di Carlo V a un avviso di pagamanento autografo di Gian Lorenzo Bernini, dalla lettera di Clemente XIV per il conferimento dello Speron d’Oro a Mozart alla lettera di Michelangelo sullo stato dei lavori della Fabbrica di S. Pietro.

Alla mostra è collegata anche  la app ufficiale Lux in arcana: la app è scaricabile gratuitamente su tutti i tablets e gli smartphones Apple e Android e consentirà ai visitatori di analizzare ogni documento presente in mostra. La mostra prosegue presso il Palazzo dei Conservatori, con sette approfondimenti tematici. La mostra è aperta dal martedì alla domenica e per tutte le ulteriori informazioni è possibile visitare il link www.luxinarcana.org.






Tags:

Lascia una risposta