Tempesta magnetica sulla Terra

4 settembre 2012 09:260 commenti

Il Sole torna in attività. In queste ore la nostra stella sta dando origine a una nuova spettacolare eruzione solare che sia sta scagliando sulla Terra: lo sciame di particelle colpisce la Terra alla velocità di 500 chilometri orari. Il bombardamento verso il nostro pianeta, cominciato ieri e ancora in atto nella giornata di oggi, non dovrebbe essere di forte entità e non dovrebbe causare tempeste magnetiche importanti. In particolare l’Agenzia statunitense sull’Atmosfera e gli Oceani (Noaa) sostengono che esistano il 40% le possibilità che l’incontro fra le particelle emesse dal Sole e il campo magnetico terrestre possa causare delle tempeste geomagnetiche nella zona dei poli causando blackout delle comunicazioni radio.


Ciò significa anche che non si verificheranno le spettacolari aurore: sussiste il 10% di possibilità che il fenomeno possa verificarsi anche a latitudini medie. L’eruzione solare risale in realtà allo scorso 31 agosto e per la prima volta le sue immagini sono state catturate da un telescopio spaziale grazie all’osservatorio solare della Nasa Sdo (Solar Dynamics Observatory) della Nasa.

Le tempeste solari durano in media circa 24-48 ore, ma non si esclude che possano prolungarsi anche per diversi giorni. A causare le tempeste solari è l’attività delle macchie solari, regioni della superficie del Sole in cui si riscontra una temperatura minore (4000 gradi kelvin) rispetto alle zone circostanti (6000 gradi kelvin). L’ultima tempesta solare di forte entità era stata registrata lo scorso maggio, causata dalla macchia solare chiamata AR 1476. Dopo l’allarme iniziale la macchia aveva cominciato a sgonfiarsi e e l’emergenza era rientrata.






Tags:

Lascia una risposta