Ustica “Giustizia è fatta”

29 gennaio 2013 10:440 commenti

La strage di Ustica fu causata da un missile e non da una esplosione interna al velivolo Dc-9 Itavia, il quale ospitava a bordo 81 persone.

Ora, lo Stato dovrà risarcire i familiari delle vittime per non aver garantito, tramite i dovuti controlli effettuati dai radar civili e militari, la sicurezza del traffico aereo.

► Svolta nelle indagini sull’aereo scomparso: trovato un borsone in mare


Lo ha stabilito la Cassazione durante la prima sentenza definitiva di condanna al risarcimento. Si tratta della prima verità su Ustica successivamente ai processi penali che hanno segnato un “nulla di fatto”.

Si tratta pertanto di una decisione storica, poiché i magistrati per la prima volta hanno deciso che l’aereo fu abbattuto in seguito ad uno scontro tra caccia militari.

“Giustizia è fatta”

Uno dei legali delle vittime, l’avvocato Daniele Osnato, commenta a caldo che dopo ben 32 anni finalmente ‘Giustizia è fatta’.

La tesi del missile è motivata in maniera coerente. La Corte di Appello di Palermo l’ha accolta a fondamento delle richieste di risarcimento. Risarcimento che spetterà dunque allo Stato italiano. Le prime richieste sono state presentate dalle famiglie di tre delle vittime della strage di Ustica.






Tags:

Lascia una risposta