Vita sulla Terra portata dalle meteoriti

3 ottobre 2012 11:040 commenti

La vita sulla Terra sarebbe stata portata dalle meteoriti: è quanto affermano un gruppo di astrofisici dell’Università di Princeton, dell’Università dell’Arizona e del Centro spagnolo di Astrobiologia in uno studio-scoperta recentemente presentata al Congresso di Scienza planetaria che si è svolto pochi giorni fa a Madrid. Secondo gli astrofisici i microorganismi trasportati sulla Terra dai frammenti di meteoriti provenienti da altri pianeti potrebbero aver dato origine alla vita sul nostro pianeta.

Secondo Renu Malhotra, uno dei ricercatori intervistata dal Corriere della Sera, la vita sulla Terra potrebbe essere stata originata dalla litopanspermia, ossia la disseminazione nello spazio di germi primigeni di vita trasportate dalle rocce. Ciò andrebbe spiegato con il fatto che il Sole si è formato circa quattro miliardi e mezzo di anni fa in un ammasso stellare che si è successivamente disperso.


Le rocce proiettate all’esterno da un sistema planetario hanno viaggiato nello spazio con velocità diverse e alcune, secondo i calcoli degli astrofisici, una percentuale davvero minima, proprio a causa della bassa velocità, potrebbero essere state catturate da un sistema planetario vicino nel momento in cui il pianeta o l’ammasso stellare era ancora in fase di formazione. Esattamente come la Terra.

La teoria, senza dubbio affascinante, in realtà è piuttosto antica, ma fino a questo momento era stata guardata con un certo scetticismo. I ricercatori adesso difendono la loro teoria visto che il loro studio si basa in realtà non sulla velocità media delle rocce, ma in particolare sulla bassa velocità di alcune di esse dando credito alla teoria di deboli trasferimenti di energia tra le masse. Naturalmente sulla Terra sarebbero dovute esistere determinate condizioni climatiche e termiche che potessero far prosperare e crescere le spore trasportate dei frammenti spaziali: fondamentale a questo punto, la presenza di acqua sul nostro pianeta.






Tags:

Lascia una risposta