Voyager 1 ancora lontana dai confini del Sistema Solare

6 settembre 2012 14:170 commenti

Il viaggio di Voyager 1, la storica sonda della Nasa, una delle prime esploratrici del Sistema Solare esterno, rischia di essere più lungo del previsto. Lanciata ben 35 anni fa dalla base di lancio di Cape Canaveral per studiare i grandi pianeti esterni, giganti e gassosi, e in particolare Giove e Saturno.

Negli ultimi sei mesi la sonda aveva sembrava aver raggiunto i confini del nostro Sistema Solare, la cosiddetta eliopausa, ma il coordinatore della ricerca Robert Decker della Johns Hopkins University di Laurel, nel Maryland, la scia intendere che la comprensione dei confini del sistema solare dovrà probabilmente con ogni probabilità rivista.


Insomma pare proprio che Voyager 1 non si trovi vicino all’eliopausa, almeno come è stata concepita fino a questo momento. Il fatto è che Voyager sta viaggiando da oltre due anni nella regione di transizione del flusso radiale e ha cominciato a viaggiare verso l’esterno: agli scienziati comincia a sfuggire proprio l’estensione della regione stessa.

Oltre il nostro Sistema Solare si trova l’eliopausa, la regione in cui il vento solare si attenua e comincia il medio interstellare, cioè il materiale rarefatto formato da gas e polveri sparsi tra le stelle in una galassia, ma prima dell’eliopausa si trova la cosiddetta elioguaina, dove il vento solare rallenta.

Ebbene stando agli ultimi dati rilevati sembra proprio che Voyager 1 non stia per attraversare, come previsto, l’eliopausa per lasciarsi alle spalle il Sistema Solare e dirigersi verso lo spazio interstellare. Secondo Decker è arrivato il momento di una nuova formulazione teorica dell’interazione del vento solare con il mezzo interstellare. 






Tags:

Lascia una risposta