Home / approfondimenti / William e Kate si sono detti si

William e Kate si sono detti si

Il principe William e Kate Middleton si sono scambiati il loro consenso dichiarando “si io lo voglio”, oggi, venerdì 29 aprile 2011, nell’Abbazia di Westminster, in presenza di circa 1.900 invitati.

William e Kate oggi sposi

Oggi, William e Kate sono stati dichiarati marito e moglie dall’arcivescovo di Canterbury, Rowan Williams.

Ore 13,10. Il principe William e Kate Middleton, ormai marito e moglie, hanno lasciato l’Abbazia di Westminster in una carrozza del 1902 per dirigersi verso Buckingham Palace, sotto gli applausi e le urla festose della folla.

Ore 12,50. William e Kate hanno dichiarato il loro “sì” in un quadro maestoso dell’Abbazia di Westminster nel corso “del matrimonio del secolo”, che ha permesso alla monarchia britannica di dispiegare le grandiose immagini davanti agli occhi del mondo intero, a 30 anni dalle cerimonie nuziali di Carlo e Diana.

Ore 12,46. I migliori auguri dallo spazio. Gli astronauti della stazione spaziale internazionale (ISS) hanno indirizzato tutti i loro auguri carichi di felicità dall’universo a William e Kate, attraverso un video.

Ore 12,18. William e Kate si scambiano il loro consenso.

Ore 12,15 – “Sei bellissima” “I love you, you look beautiful”. Queste le prime parole di William a Kate all’altare.

Ore 12,00. Kate arriva a Westminster in un lungo abito da sposa bianco e con un diadema sul capo che le trattiene il velo.  L’abito di Kate Middleton è stato disegnato da Sarah Burton by Alexander McQueen.

Ore 11,40. Arriva all’Abbazia di Westminster il principe Carlo e Camilla Parker Bowles.

Ore 11,18. Il principe William arriva all’Abbazia di Westminster, accompagnato dal fratello, Harry.

Ore 10,50.. Il Dalai Lama ha auspicato “un matrimonio felice” al principe William e a Kate Middleton. “Invio loro le mie congratulazioni”.

Ore 10,30. Gli ospiti hanno raggiunto l’Abbazia di Westminster, i primi sono arrivati alle ore 8,30, quasi tre ore prima dell’inizio della cerimonia. Fra le personalità conosciute, David Beckham e la moglie Victoria, Ian Thorpe, e la fidanzatina di Harry, Chelsy Davy.

Ore 9,15. Il principe William e Kate Middleton sono diventati duca e duchessa di Cambridge per mano della regina Elisabetta II. William si è visto così attribuire dalla nonna il rango più elevato della nobiltà britannica.

Ore 7,30. La folla affluisce nelle vie di Londra. Migliaia di fanatici, turisti o semplici curiosi hanno iniziato ad invadere le strade della capitale britannica,  per assistere “al matrimonio del secolo”. Il tempo è grigio e il sole trova  difficoltà a crearsi un varco tra le pesanti nubi plumbee che hanno lasciato cadere anche qualche goccia inquietante.

Ore 7,00. Il principe William opta per l’alta uniforme delle “Irish Guards”. Come vuole la tradizione. Promosso colonnello delle Irish Guards in febbraio dall’aviazione militare, ha deciso per la tunica scarlatta di questo reggimento di fanteria. Il fratello, Harry, indosserà l’uniforme di capitano del reggimento di cavalleria Blues and Royals  (la cavalleria della casa reale), mentre il principe Carlo sfoggerà l’uniforme dell’ammiraglio della Royal Navy.

Di fronte a Buckingham Palace, migliaia di campeggiatori aspettavano la cerimonia. Sulla Mall, l’arteria reale principale che conduce a Buckingham, a Londra, migliaia di fan si accampavano, da giovedì sera, in attesa della futura coppia reale. Sono stati, poi, ricompensati da una visita a sorpresa di William, che è andato tra la folla per qualche minuto. Il principe ha stretto le mani ed ha scambiato alcune parole con le centinaia di persone ammassate, lungo il percorso che verrà, quindi, transennato, nella giornata di venerdì, per la sfilata dei neo sposi.

Gli ospiti attesi sono circa 1900,  teste coronate, dignitari stranieri, celebrità dello spettacolo, come il cantante Elton John, ma anche semplici cittadini, rappresentanti di associazioni, colleghi di reggimento di William o commercianti dell’azienda di Kate. Ai primi posti dell’abbazia troneggierà la famiglia reale, a cominciare dalla regina Elisabetta II, che spera che questo matrimonio possa voltare le pagine degli anni neri, che hanno toccato una delle più vecchie famiglie  regnanti, dal divorzio di Carlo e Diana alle scappatelle di Sarah Ferguson.

Nella millimetrata preparazione del matrimonio tra  William e Kate, il programma ufficiale della cerimonia nuziale, rivelato ieri da Buckingham, che ha esposto nei dettagli i desideri degli sposi, comprese la liturgia e la musica, come vuole la tradizione reale. Questa cerimonia “sarà la quintessenza dello spirito britannico”, garantisce il palazzo. A cominciare dalla parte musicale per la quale la giovane coppia ha espresso il desiderio di ricorrere ai grandi nomi del panthéon nazionale, Edward Elgar, Benjamin Britten e Ralph Vaughan Williams. L’inno “Jerusalem”, “il massimo” delle cerimonie ufficiali e l’inevitabile canzone “Greensleeves”.

La regina sarà accolta dalle trombe e la sposa si avvierà verso l’altare al suono della marcia nuziale di Hubert Parry.

Per dare un tocco personale, la giovane coppia, che ha  sorvegliato nei minimi dettagli la cerimonia, ha redatto un messaggio all’indirizzo dei lettori. Un compito generalmente attribuito all’arcivescovo de Canterburry, il più alto in carica della chiesa anglicana. “L’affetto che molta gente ci ha manifestato durante i nostri impegni è molto commovente e ci ha enormemente toccati. Approfittiamo di questa occasione per ringraziare tutti coloro che ci vogliono bene”, scrive la coppia sottoscrivendo il messaggio “William e Catherine” accompagnato da una loro fotografia in cui appaiono felici e sorridenti.

Oggi, 150.000 copie del programma della giornata memorabile, con la foto di Kate e William, saranno vendute a due euro da scouts e junior dell’esercito, sulla via tra Westminster e Buckingham.

I fondi andranno ad organizzazioni benefiche. Questo programma-memoria ufficiale, “è una vecchia tradizione reale”, ed è stato anche diffuso su Internet. La carta utilizzata per il programma – “250 grammi/m2 per la copertura e 150 per le pagine interne” “è riciclata e non è sbiancata col cloro”, precisa il comunicato ufficiale.

La memoria di Diana, la mamma di William, morta in un incidente stradale nel 1997, sarà presente attraverso la marcia imperiale di William Walton, alla fine della cerimonia, suonata anche in occasione delle sue nozze con il principe Carlo nel 1981.

Secondo l’esempio innovatore della principessa Diana, Kate, non prometterà “obbedienza” al suo coniuge in occasione della funzione. Si impegnerà “a rispettare, confortarlo, stargli vicino e ad amarlo” ma non ad “obbedirgli”, in nome della parità dei sessi.

Guarda tutte le foto del matrimonio

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *