Home / approfondimenti / Yara Gambirasio si cerca elettricista polacco

Yara Gambirasio si cerca elettricista polacco

Il caso della giovanissima atleta di Brembate Sopra,  brutalmente assassinata è sempre più intricato, ogni tanto arriva una segnalazione diversa che fa sperare che ormai siamo giunti al punto cruciale dell’indagine, ma poi ecco arrivarne altre, ulteriori e nuove testimonianze che sembra facciano abbandonare le precedenti per farci aggrappare a quella che forse ci porterà a scoprire il vero orco assassino.

Non è trascorso molto tempo da quando sono apparse le nuove indiscrezioni o le tardive testimonianze, quali ad esempio “Yara Gambirasio si cerca un uomo con ferite ai genitali”, o “Yara Gambirasio. Scippo ai danni di una donna fornisce nuovi elementi”, quindi  “Yara Gambirasio. Arriva nuova segnalazione con lettera anonima” , quando, ecco, arrivare un nuovo elemento, ora, le forze dell’ordine sono sulle tracce di un polacco.

La notizia arriva dalla trasmissione “Quarto Grado” in onda su Rete4 e condotta da Salvo Sottile. Già dai primi giorni della scomparsa di Yara, in cui il cantiere di Mapello è stato supercontrollato, gli inquirenti starebbero cercando P. R., un elettricista di origine polacca di 37 anni, irrintracciabile dal 27 novembre, il giorno dopo la scomparsa della ragazzina.

L’elettricista polacco alloggiava presso l’albergo di Mozzo insieme ad altri colleghi, ma si è dissolto nel nulla, senza lasciare alcuna notizia di sè. Le autorità hanno, tuttavia informato, che l’uomo è ricercato ma non è indagato.

L’operaio polacco era l’elettricista del cantiere di Mapello e le sue mansioni erano quelle di controllore gli impianti. Insieme a lui erano occupati nell’azienda anche alcuni connazionali e se gli inquirenti si stanno concentrando su questa figura è perchè, in questa tortuosa vicenda, è il solo riconducibile al famoso furgone bianco avvistato da molti testimoni nel giorno della scomparsa di Yara. L’elettricista per motivi di lavoro era spesso nel  bunker in cui erano localizzati i cavi elettrici e dove i cani molecolari avevano fiutato l’odore della ragazzina.

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *