Home / Cucina / Cinque minuti per la morte della Carbonara in Francia: la video ricetta che fa discutere

Cinque minuti per la morte della Carbonara in Francia: la video ricetta che fa discutere

Quando all’estero cercano di replicare le nostre ricette e noi abbiamo la pura sfortuna di assistervi, siamo spesso colti da un senso di nausea e disagio. Passi per infilare le fettuccine accanto a un piatto di carne – dopotutto non possiamo neppure essere troppo ortodossi in tempi di globalizzazione – ma certi must devono restare intoccabili, come ad esempio la classica pasta alla carbonara, di cui il sito Demotivateur.fr ha pubblicato una breve video ricetta – quelle alla Tasty, per intenderci – per sponsorizzare un libro sui piatti “one pot“, ovvero quelli cucinati mettendo tutti gli ingredienti in una sola casseruola. 

Una cipolla tagliata in pezzi, pezzi di lardo e farfalle inseriti nella stessa casseruola, portato tutto a ebollizione, poi versati sul piatto, con panna e un po’ di parmigiano. Nel piatto si forma poi una conca, dove viene fatto scivolare un giallo d’uovo. Quindi si prosegue con il prezzemolo, si mescola un po’ e si inforchetta. Voi direste che questa è la ricetta di una pasta alla carbonara? Ovviamente il video è diventato virale e la pagina Facebook Sai cosa mangi? ha innescato il meccanismo di viralità condividendo il video e commentando di seguito: “Cinque minuti per la morte della carbonara in Francia. Per favore, perdonateli perché non sanno quello che fanno”.

Un video che comunque ha avuto oltre 1 milione di visualizzazione, ma anche diversi commenti – soprattutto da italiani e da amanti della cucina italiana – in cui si cercava di spiegare che la pasta alla carbonara non si fa così. E il dibattito è finito anche sui social network, con un utente che avrebbe scritto: “Ok, tenetevi la Gioconda, ma non fate più stronzate del genere o invadiamo la Corsica”.

Anche Barilla – marca sponsorizzata alla fine del video per la presenza della pasta (farfalle) – ha voluto dissociarsi dalla ricetta: “Siamo aperti a tutte le interpretazioni creative della mitica carbonara, ma così è troppo”.