Piatti tipici natalizi Liguria

25 dicembre 2012 14:340 commenti

Che il Natale in Liguria sia un momento speciale lo si capisce scavando a ritroso nella tradizione.

Torniamo agli anni in cui le mamme chiedevano ai propri bambini a prendere il pane bianco di bottega. L’usanza prevedeva che i negozianti regalassero loro torroncini. Poi, dal primo pomeriggio ogni capofamiglia blindava le porte di casa perchè la quiete della famiglia era sacra e, a seguito un anno di rinunce e sacrifici, si dava inizio al pranzo con il gran menù della festa.

Cosa compariva e compare tuttora sulla tavola natalizia ligure?

In primis elementi simbolici della tradizione, quasi come se si volesse indire un rito propiziatorio. Dallo scopino di erica fatto benedire durante la veglia di mezzanotte del 24, a una manciata di sale. Poi un mestolo forato (cassoa), una michetta di pane bianco per i poveri e una per gli animali.


Obbligatoriamente il pranzo natalizio iniziava e inizia ancora oggi con i natalini in brodo (si tratta di lunghi maccheroni di pasta di semola di grano duro lisci e tagliati a ‘penna’).

Per secondo non poteva mancare il cappone lesso con mostarda, sostituito ora con il ‘capponmagro’.

Piatti tipici natalizi Liguria

Primi

Maccheroni in brodo, ravioli alla genovese (ripieno di vitello, animelle, uova, erbe, pangrattato e parmigiano.

Secondi

Stecchi fritti (spiedini di rigaglie di pollo con funghi, besciamella e parmigiano), cappone lesso e cappon magro (piatto fatto di verdure o di pesce), salcicce e spinaci, faraona al forno con carciofi.

Dolci

Il dolce più famoso è il pandolce (impasto di farina, uvetta, zucca candita a pezzetti, essenza di fiori d’arancio, pinoli, pistacchi, semi di finocchio, latte, marsala), canditi, torrone, uva, fichi secchi e noci.







Tags:

Lascia una risposta