Ricetta Saltimbocca alla romana

21 settembre 2012 15:410 commenti
  1. INGREDIENTI
  2. Burro, 50 gr.
  3. Carne di vitello (otto fettine)
  4. Prosciutto (otto fette)
  5. Pepe
  6. Sale
  7. Salvia (otto foglie)
  8. Vino bianco, 200 ml.

 

PREPARAZIONE

Prima di cominciare a cucinare questo secondo piatto di carne, dovrete preparare con attenzione la carne: con un coltello eliminate con attenzione i nervetti e il  grasso in eccesso delle fettine. 

Prendete le fettine e poi mettetela all’interno di una foglio di carta forno: ricopritela e battetela con un batticarne per renderla più sottile e gustosa. Poi prendete le fettine di prosciutto crudo (devono essere dello stesso numero delle fettine di carne) e adagiatele ciascuna su ogni fettina.

 

 

 

 

 

Ora dovrete prendere la salvia, lavarla e asciugarla per bene eliminando l’acqua in eccesso. Mettete una foglia di salvia su ciascuna fettina e per tenerla ferma infilzatela al centro della fettina con stuzzicadenti.

Ora passate alla cottura: prendete una padella e fate sciogliere la metà del burro. Quando comincerà a soffriggere aggiungete i saltimbocca e lasciateli rosolare per un paio di minuti su ciascun lato. Una volta che si saranno rosolati aggiungete il vino bianco e lasciate sfumare. Terminata la cottura aggiungere il sale, il pepe e togliere le fettine dalla padella insieme al fondo di cottura. Teneteli in caldo e servite versando sui saltimbocca anche il fondo di cottura nel piatto per renderli più gustosi.

STORIA

Il primo a descrivere la ricetta dei saltimbocca alla romana è stato il critico letterario Pellegrino Artusi che ha assaggiato il piatto alla fine dell’Ottocento, nella trattoria storica di Roma “Le Venete”. Di certo molte altre trattorie romane hanno cominciato a servire lo stesso piatto. Nonostante ciò, le origini di questa ricetta sembrano essere però non del tutto chiare: c’è chi ovviamente sostiene che si tratti di un piatto nato a Roma, ma è pur vero che alcuni sostengono che si tratta di un piatto nato addirittura nella città di Brescia.

 

 

 

 

Tags:

Lascia una risposta