10 cose da fare assolutamente per essere felici oggi stesso

9 gennaio 2014 23:360 commentiDi:

happier

Volete essere felici? Lo volete davvero? Se siete disposti a fare un piccolo sforzo ogni giorno, vedrete che la felicità arriverà molto presto, ben prima di quante potreste immaginare.

Certo, per essere felici è necessario metterci un po’ di impegno e di costanza, ma vedrete che seguendo le indicazioni che trovate qui di seguito il raggiungimento della felicità potrebbe arrivare oggi stesso. 

Questa lista di cose da poter fare fin da oggi per essere felici è apparsa per la prima volta su Buffer e propone 10 semplici gesti, dieci piccole buone abitudini da prendere che la scienza ha dimostrato essere essenziali per il raggiungimento di questo obiettivo.

10 cose da fare assolutamente per essere felice oggi stesso

1. Fare almeno sette minuti di esercizio fisico al giorno

L’esercizio fisico ha un effetto profondo sulla nostra felicità e sul nostro benessere ed è stato dimostrato di essere anche una strategia molto efficace per superare la depressione. In uno studio citato nel libro di Shawn Achor, “Il vantaggio Felicità”, tre gruppi di pazienti affetti da depressione sono stati trattati con farmaci, con esercizio fisico o una combinazione dei due.

I risultati sono strabilianti: nonostante i tre trattamenti abbiano avuto un effetto simile sui pazienti, a lungo termine solo il 9% dei pazienti che hanno curato la depressione con l’esercizio fisico hanno avuto una ricaduta, contro il 38% di coloro che avevano preso solo i farmaci e il 31 di quelli trattati con una combinazione dei due.

2. Dormire di più per essere meno sensibili alle emozioni negative

Sappiamo che il sonno aiuta il nostro corpo a recuperare le energie spese durante il giorno in modo da poter essere produttivi e concentrati il giorno successivo, ma non solo, perché il sonno è anche molto importante per la nositra felicità. In un articolo comparso su NutureShock , Po Bronson e Ashley Merryman spiegano come il sonno influenza la nostra positività:

Gli stimoli negativi vengono elaborati dall’amigdala, ricordi positivi o neutri dall’ippocampo. La privazione del sonno colpisce l’ippocampo, che è più difficile rispetto all’amigdala. Il risultato è che le persone private del sonno non riescono a recuperare le memorie piacevoli, ma solo quelle più brutte.

Naturalmente, quanto bene (e per quanto tempo) si dorme probabilmente influisce su come ci si sveglia e come ci si alza, il che fa la differenza di tutta la giornata.

3. Vivere in un luogo vicino al lavoro – Un tragitto breve vale più di una casa grande

L’essere pendolari al lavoro può avere un impatto sorprendentemente potente sulla nostra felicità. Il fatto che si viaggi due volte al giorno per cinque giorni alla settimana ha degli effetti devastanti sulla felicità, sorprattutto se il tragitto avviene nel traffico delle grandi città.

Si tende a compensare lo stress da traffico e da lavoro con una bella casa, ma questa compensazione non sembra funzionare, almeno secondo lo studio effettuato da due economisti svizzeri che hanno valutato l’effetto del pendolarismo sulla felicità scoprendo che tali fattori non potevano compensare la miseria creata da un pendolarismo a lungo.

4. Trascorrere del tempo con gli amici e la famiglia – Non ve ne pentirete neanche sul letto di morte

Il non essere rimasti in contatto con amici e familiari è uno dei primi cinque rimpianti dei moribondi. Se volete più prove mantenere questi contatti è un buon modo per raggiungere la felicità, c’è una ricerca effettuata ad Harvard che lo dimostra.


Gli scienziati, dopo aver passato al setaccio circa 300 uomini e donne, hanno scoperto che sono soprattutto i rapporti tra fratelli a far durare la felicità a lungo: tra i componenti del campione studiato, il 93% di color che a 65 anni di età si trovavano in un ottimo stato sia fisico che emotivo avevano mantenuto stabili e sereni i rapporti con fratelli e sorelle.

5. Stare all’aria aperta – La temperatura giusta della felicità e 13,9° C

Ne “Il vantaggio Felicità” Shawn Achor consiglia di trascorrere del tempo all’aria aperta per migliorare la vostra felicità, citando a dimostrazione di questo uno studio secondo il quale bastano solo 20 minuti all’aria aperta per avere immediati benefici non solo sullo stato d’animo ma anche sulla memoria.

Se desiderate ottenere ancora più benefici, come suggerisce uno studio dell’American Meteorological Society del 2011, la felicità è massimizzata a 13,9° C , quindi tenete d’occhio le previsioni meteo prima di andare fuori per i vostri 20 minuti di aria fresca.

6. Aiutare gli altri – 100 ore all’anno è il numero magico

Secondo Shawn Achor:

“Quando i ricercatori hanno intervistato più di 150 persone circa i loro acquisti recenti, hanno scoperto che il denaro speso per attività come concerti e cene di gruppo fuori ha portato molto più piacere che gli acquisti di materiali come scarpe, televisori o orologi costosi. Spendere soldi per altre persone, chiamato anche spesa pro-sociale”, aumenta anche la felicità.”

(Lo studio è stato pubblicato per la prima volta su The Journal of Happiness Studies)

7. Sorridere – Fa stare meglio e migliora le performance

Sorridere può farci sentire meglio, ma solo se il sorriso è davvero sincero, come dimostra uno studio condotto dalla Michigan State University secondo il quale i lavoratori dei centri di assistenza che sono costretti per lavoro ad essere sempre sorridenti hanno uno stato d’animo peggiore di coloro che fanno altri lavori e anche la loro produttività ne viene intaccata.

Inoltre, secondo PsyBlog, sorridente migliora l’attenzione e aiuta ad sbrigare al meglio i compiti cognitivi:

“Sorridere ci fa sentire bene, aumenta anche la nostra flessibilità attentiva e la nostra capacità di pensare in modo olistico. Quando questa idea è stata testata da Johnson et al. (2010), i risultati hanno mostrato che i partecipanti che sorridevano hanno ottenuto risultati migliori nei compiti attentivi che hanno richiesto di avere un colpo d’occhio d’insieme e non solo dei dettagli.

8. Pianificare un viaggio – Ma non farlo

Più che andare in viaggio, è la pianificazione di questo a renderci felici. Uno studio pubblicato sulla rivista “Applied Research in Quality of Life” ha mostrato che il più alto picco di felicità si ha durante la fase di pianificazione di una vacanza con un effetto che è in grado di durare anche per otto settimane.

9. Meditate – Ricollegare il cervello alla felicità

La meditazione è spesso pubblicizzato come un’abitudine importante per migliorare la messa a fuoco, la chiarezza e la capacità di attenzione, così come per imparare a mantenere la calma, ma è utile anche per la felicità.

Una ricerca del Massachusetts General Hospital ha esaminato le scansioni cerebrali di 16 persone, prima e dopo aver partecipato ad un corso di otto settimane di meditazione e consapevolezza. Lo studio, pubblicato nel numero di gennaio di “Psichiatric Research: Neuroimaging”, ha concluso che dopo aver completato il corso, le parti del cervello dei partecipanti associate alla compassione e alla consapevolezza di sé erano cresciute, mentre le parti associate con lo stress si erano ridotte.

10. Essere grati – Aumenta sia la felicità che la soddisfazione di vita

Si tratta di una strategia molto semplice, da mettere in pratica anche solo tenendo un diario delle cose per cui si è frati. Lo dimostra un esperimento in cui alcuni partecipanti hanno preso nota delle cose delle quali sono grati e i questionari successivi hanno dimostrato che i loro stati d’animo erano migliorati già solo con questa abitudine.






Tags:

Lascia una risposta