Aforismi Italia

2 dicembre 2012 04:000 commenti

Credere, obbedire, combattere”: lo slogan imposto a un popolo che non crede in niente, non sa obbedire, e non vuol combattere.

Roberto Gervaso, Il grillo parlante, 1983

c c

L’italiano confonde facilmente la libertà con i propri comodi. Anzi, con i propri comodacci.

Roberto Gervaso, La volpe e l’uva, 1989

 

L’italiano rispetta la legge soprattutto se coincide con i suoi interessi.

Roberto Gervaso, La volpe e l’uva, 1989

 

Più che in Dio, l’italiano crede nei miracoli.

Roberto Gervaso, La volpe e l’uva, 1989

 

Gli italiani danno spesso il meglio di sé nel peggio.

Roberto Gervaso, L’amore è eterno finché dura, 2004

 

Gl’italiani non hanno costumi; essi hanno delle usanze.

Giacomo Leopardi, Zibaldone, 1817/32 (postumo 1898/1900)

 

Sotto ogni italiano si nasconde un Cagliostro e un San Francesco.

Leo Longanesi, I giusti pensieri del modesto signor di Bonafede, 1926

 

L’italiano non lavora, fatica.

Leo Longanesi, La sua signora, 1957

 

L’italiano: totalitario in cucina, democratico in Parlamento, cattolico a letto, comunista in fabbrica.

Leo Longanesi, La sua signora, 1957

 

Popolo di navigatori, che sbarca il lunario.

Leo Longanesi, La sua signora, 1957

 

L’ora è venuta di tentare tutte le rivoluzioni per liberare il popolo italiano da tutti i pesi morti e da tutti i ceppi (matrimonio e famiglia cattolica soffocatrice, pedantismo professorale, elettoralismo, mentalità pessimistica, provinciale, mediocrista e quietista).

Filippo Tommaso Marinetti, Democrazia futurista, 1919

 

I cittadini italiani si dividono in due categorie: i furbi e i fessi.

Giuseppe Prezzolini, Codice della vita italiana, 1921

 

I veri italiani sono pochissimi. La maggior parte di coloro che si fanno passare per italiani, sono in realtà piemontesi, toscani, veneti, siciliani, abruzzesi, calabresi, pugliesi e via dicendo. Appena fuori d’Italia, l’italiano torna ad essere quello che è: piemontese, toscano veneto ecc. L’italiano sarà un prodotto dell’Italia, mentre l’Italia doveva essere un prodotto degli italiani.

Giuseppe Prezzolini, Codice della vita italiana, 1921

 

Nessuno, come gli italiani, sa organizzare così bene le tempeste dentro ai bicchieri d’acqua.

Paolo Sorrentino, Hanno tutti ragione, 2010

Tags:

Lascia una risposta