I banchieri più ricchi del mondo preferiscono gli sport estremi

14 agosto 2014 16:130 commentiDi:

Svizzera-bandiera-sui-monti

Alcuni tra gli uomini più ricchi del mondo non riescono a vivere senza sport. O meglio, senza praticare, di tanto in tanto, ma con una certa costanza, piccole e grandi fatiche estreme che li portino a spingersi oltre i propri limiti. L’attività fisica e ancora meglio gli sport estremi sembrano infatti incrociare perfettamente le simpatie dei banchieri elvetici e dei top manager del mondo della finanza. 

Il numero dei milionari supera quello dei poveri in Svizzera

E’ soprattutto in Svizzera, del resto, che si concentra il più alto numero di banchieri e amministratori delegati i cui compensi presentano un numero molto alto di zeri, ed è sempre in Svizzera che vengono ad esempio organizzate manifestazioni sportive che metterebbero alla prova anche gli sportivi più allenati.

La Svizzera rifiuta via referendum il salario minimo da 3250 euro al mese

Come ad esempio la Tortour, una maratona ciclistica di mille chilometri che si snoda attraverso la Svizzera a cui parteciperanno, proprio nei giorni di Ferragosto, alcuni tra i top manager più in vista del momento, uomini d’affari stracarichi di impegni che però nelle loro lunghissime giornate di lavoro riescono a ritagliarsi anche un piccolo spazio per coltivare la passione per la bicicletta.

Nella corsa dovranno superare un dislivello pari a 14 mila 500 metri. In questa maratona si cimenteranno personaggi come i dirigenti e i top manager di dirigente di Saxo Bank, di Credit Suisse,  di Iwc, e di grandi società che producono orologi di lusso.

E’ opinione comunemente diffusa tra banchieri e amministratori delegati, che un aspetto sano e sportivo sia di sicuro aiuto anche nel mondo degli affari e della finanza. Praticando sport, cioè, si diventa anche più credibili per i propri clienti. C’è così chi si dà al golf, alla corsa o alla bicicletta, ma anche ad altre importanti gare nel mondo come la Marathon des Sables, nel Sahara o a gare di scialpinismo sulle Alpi Svizzere.

Tags:

Lascia una risposta