Barbara Berlusconi torna a parlare

15 novembre 2012 22:020 commenti

Da qualche tempo, dopo la rottura della storia con Alexander Pato, Barbara Berlusconi stava in silenzio.

Ha scelto forse il momento giusto per tornare a occuparsi del suo Milan.

Alexander Pato sembra vicino a prendersi la sua rivincita in campo, lei invece punta alla Presidenza del Milan.

Alla vigilia della gara con il Napoli e della visita del padre Silvio Berlusconi presso Milanello, Lady B non commenta la situazione del Milan. Ha altre intenzioni:

“Rivolgere un appello al Parlamento affinché approvi al più presto la legge sugli stadi: il tempo sta per scadere”.

E sul Milan? Bocca cucita?


“Valutazioni e scelte sulla situazione del Milan spettano solo al presidente e all’amministratore delegato del club. Sono perfettamente consapevole del fatto che l’Italia abbia, in questo momento, molte altre priorità. In particolare tanti sono i provvedimenti in discussione alla Camera e al Senato che hanno il carattere dell’urgenza. Voglio ricordare, però, che il calcio non è un business solo per chi guadagna milioni di euro, ma anche per i tanti posti di lavoro che genera. Un giro d’affari che alcune ricerche hanno stimato essere di circa 8 miliardi di euro, per un gettito per lo Stato di oltre un miliardo di euro”.

Lady B è sicura:

“Da più parti si sono sollevati dubbi sul provvedimento: qualcuno l’ha addirittura definito uno strumento che consentirà di realizzare speculazioni edilizie. Non voglio entrare nel merito del testo. Mi permetto solamente di esprimere la mia preoccupazione per il futuro del calcio italiano: senza riforme e senza nuove normative, l’Italia rischia di non tenere il passo con gli altri grandi movimenti calcistici europei. Ai parlamentari dico: approvatela con tutte le garanzie di trasparenza e di sostenibilità del caso. Ma approvatela. È un provvedimento a costo zero per lo Stato, ma di grande valore per tutto lo sport italiano”.






Tags:

Lascia una risposta