Chi è obeso paga di più in aereo

5 aprile 2013 11:260 commenti

Samoa Air ha dichiarato di aver reso ufficiale la nuova tariffa “al chilo”, giustificandola col fatto che si tratta del “modo più equo di viaggiare”. La nuova tariffa della compagnia samoana è già attiva tanto sulle rotte interne quanto su quelle internazionali.

Sulle Isole Samoa, dunque, si vola al chilo.

Quanto costa viaggiare, dunque? Un dollaro al chilo sulle rotte interne e 4,16 dollari al chilo sulle tratte esterne.

Un extra del tutto particolare. Nasce dunque il biglietto “a peso”, che può essere emesso solo dopo aver fatto salire sulla bilancia il passeggero con tutte le sue valigie.

La decisione è stata presa da Samoa Air dopo aver scoperto che le Isole Samoa sono uno dei paesi con il più alto tasso di obesità al mondo. Un tasso che supera l’85%.

Così, il direttore esecutivo della compagnia aerea samoana ha pensato bene di approvare il nuovo piano tariffario.

La motivazione: “Gli aerei sono pilotati in base al peso, e non in base al numero di posti, e i viaggiatori dovrebbero essere educati riguardo all’importanza di questo aspetto”.

Samoa Air ha anche predisposto un sovrapprezzo per i bagagli in eccesso poiché il peso che un aereo può trasportare non è infinito, e per lo stesso principio i passeggeri sovrappeso devono essere in qualche modo “tassati” così da riequilibrare le spese di carburanti.

Tags:

Lascia una risposta