Comune siciliano paga la crociera a tutti gli anziani

3 marzo 2012 12:160 commenti

Il sindaco di Comitini, in provincia di Agrigento, ha stanziato ben 35 mila euro per pagare una crociera di una settimana a tutti gli anziani del paese e la notizia è stata ripresa anche dal New York Times, che ha citati il paese come un esempio di cattiva politica, in un periodo di enorme sofferenza per le casse delle amministrazioni pubbliche. Il comune, ormai spopolato dall’emigrazione, conta oggi solo 960 abitanti, di cui ben 65 sono dipendenti del comune, uno ogni 14 anime. Tanto che il giornale americano denuncia di aver visto molti di questi stipendiati dall’amministrazione passare il tempo al bar a sorseggiare aperitivi invece di svolgere le loro mansioni.


Ma il vigile ausiliario Caterina Valenti, 800 euro al mese per 20 ore settimanali, si difende e contrattacca: “grazie a noi il bar lavora e cosi aiutiamo l’economia locale”.
Il sindaco Nino Contino aveva già esposto ad AnnoZero la sua filosofia roosveltiana: se tutti i comuni italiani adottassero questa politica di assunzioni generose, i cittadini dei piccoli paesi non dovrebbero emigrare in cerca di fortuna.
E si difende sulla crociera: “ho reperito i 35 mila euro dalla regione e dall’Assessorato delle Autonomie Locali e di aver ottenuto un mega sconto per questa gita offerta agli anziani. Non è una semplice crociera, ma il primo passo di un programma a favore degli anziani, con altre iniziative e gite turistiche per rendere la vecchiaia dei suoi concittadini piacevole e felice.”

Certo, se le intenzioni sembrano onorevoli per il sindaco, in tempi di austerità, le misure a favore degli anziani sembrano uno spreco di risorse pubbliche.
Ma il sindaco ha già incassato il plauso dei suoi concittadini, e non sembra preoccupato di quel che pensano Monti e la Corte dei Conti.






Tags:

Lascia una risposta