Dolce e Gabbana: si chiama Abaya la collezione per le musulmane fashion

I famosi stilisti Dolce & Gabbana hanno lanciato la prima collezione dedicata espressamente alle donne musulmane praticanti che non intendono però rinunciare a un tocco di moda nel loro abbigliamento. La collezione ideata dai due stilisti italiani, quindi, ha il merito di unire tradizione e modernità e il risultato di questa fusione è una linea, chiamata Abaya, che tiene conto di quelli che sono i dettami sul vestiario della donna stabiliti dal Corano ma enfatizzando bellezza e sensualità. Il risultato di questo mix è un vestito sobrio ma al tempo stesso estremamente femminile.

Abaya, in realtà, si compone di due diversi pezzi: hijab ossia il velo con il quale le donne musulmane si coprono il capo e abaya ossia la lunga veste che, tradizionalmente, ricopre tutto il corpo ad eccezione del volto, delle mani e dei piedi. Hijab e abaya sono i capisaldi della moda islamica e all’interno del campo delimitato da questi capisaldi Dolce & Gabbana hanno provato a lanciare il loro messaggio: massimo rispetto della tradizione e al tempo stesso tentativo di impreziosire le vecchie usanze ricorrendo anche a trucchi del passato. E’ in quest’ottica che vanno collocate sia la scelta dei materiali, decisamente improntata alla qualità, che il tentativo di impreziosire tutto il vestito ricorrendo anche a pietre preziose che sono dolcemente lavorate.

Il messaggio che Dolce & Gabbana hanno voluto lanciare è quindi molto chiaro: la donna musulmana, vestita nei suoi abiti tradizionali, non  è affatto vecchia e datata ma può essere al contrario sinonimo di fascino.

Non è la prima volta che grandi gruppi di moda si dedicano a disegnare e a lanciare sul mercato linee che sono specificatamente ideate per le donne. Sopratutto in alcuni paesi islamici, la moda è vista come una risorsa in più da sostenere per affermare il principio della bellezza della donna.

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *