E’ possibile morire davvero dal ridere

17 settembre 2014 16:060 commenti

Mi fai morire dal ridere, questa è una frase che si sente spesso e deve essere interpretato come un complimento. La persona che la proferisce, infatti vi sta dicendo che siete divertenti e non che siete degli assassini. A meno che…

A meno che non sia una persona che poi, ridendo, ci rimette la pelle. Perchè esiste, esiste chi è morto dal ridere. È stata sistematizzata, o meglio classificata, la morte da risata, dovuta a una risata prolungata che ha come effetto l’arresto cardiaco o l’asfissia. Perché può succedere.

> La risata contagiosa alla fermata del tram [VIDEO]


Ridendo, con la risata, il ritmo respiratorio è alternato e ci sono dei momenti in cui c’è una sospensione dell’aspirazione e ci possono essere dei sussulti, definiti scosse. Queste ultime si ripercuotono sui muscoli e poi anche sulla laringe. Ma quanta gente è morta per una risata?

Ce ne sono almeno due. Alcune sembra siano avvenute nell’antica Grecia. Per esempio Zeusi morì guardando un quadro divertente e lo stesso Diogene Laerzio non resistette all’osservazione di un asino. Ci sarebbe poi la storia sempre troppo antica per essere ricordata da tutti, di Thomas Urquhar che morì sapendo che Carlo II d’Inghilterra era diventato Re.

In ultima analisi c’ è un caso recente ed è quello di Alex Mitchell, un uomo di 50 anni, inglese che morì nel 1975. Si narra che stesse guardando un episodio di Goodies e sia morto dopo aver riso per 25 minuti consecutivi. L’autopsia disse che era morto per un infarto.






Tags:

Lascia una risposta