Generatore automatico di annunci di Matteo Renzi

6 settembre 2014 13:260 commenti

L’attuale premier, forse per strizzare l’occhio agli elettori sensibili alle nuove tecnologie, forse per segnare una rottura con il passato dimostrando di avere dimestichezza con i social network e i dispositivi più avanzati, ha usato in modo smodato tutti gli strumenti a sua disposizione.
img (1)

Matteo Renzi è un premier giovane e già a livello anagrafico rappresenta un punto di rottura rispetto al passato, ai vecchi signori della politica, agli statisti d’una volta che tanto hanno condizionato la Prima ma anche la Seconda Repubblica.

Matteo Renzi è anche un premier molto attivo sui social network, soprattutto su Twitter dove ogni mattina documenta il suo programma, quello che intende fare, gli appuntamenti che ha stabilito e la fitta tabella di marcia del suo Esecutivo. Peccato che i cinguettii siano stretti nell’arco di 140 caratteri e più che spiegare il da farsi, quelli di Renzi diventano dei proclami, degli slogan, degli annunci.


Dopo le profezie di Fassino arriva “Se c’era Renzi”

La passione renziana per gli annunci non è passata inosservata e alcuni giornalisti arguti come Travaglio l’hanno subito trasformata in una patologia da cui prendere le distanze: l’annuncite.

Non basta, su Facebook impazzano pagine fake dedicate al premier in cui sono presi in giro i suoi atteggiamenti un po’ troppo pubblicitari e alla mano e un po’ poco politici. Ma il web va anche oltre Facebook e vuole divertire chi su internet pensa anche passare il tempo libero senza impegni di sorta. Quindi, come era già stato creato il generatore automatico di ringraziamenti dopo la performance di Sorrentino alla notte degli Oscar, allo stesso modo è nato il generatore automatico di annunci di Matteo Renzi.

Un software semplice, è vero, ma una volta provato potete star certi che è difficile smettere.






Tags:

Lascia una risposta