Gordon Ramsay citato in giudizio dai suoi impiegati

18 giugno 2013 10:450 commenti

RamsayMOS0812_468x451

Gordon Ramsay, per chi non lo conoscesse, è uno chef scozzese che ha la fama di essere cinico. Famoso in tutto il mondo, conduce programmi di successo quali “MasterChef Usa” e “Cucine da incubo”.

Ora, però, si trova nei guai. Quattro cuochi ed ex cuochi del suo noto ristorante di Los Angeles, The Fat Cow, lo hanno infatti denunciato.

Il motivo? Nulla che sia legato ai suoi scatti d’ira o ai suoi atteggiamenti da ‘reginetta’.

Nulla che sia legato alle sue continue parolacce o alle sue ormai arcinote imprecazioni.

Ramsay è stato citato in giudizio dai suoi impigati in quanto non avrebbe pagato gli straordinari ai dipendenti e la liquidazione a coloro che hanno rassegnato le dimissioni.

Si scopre che Ramsay dava paghe da miseria ai suoi cuochi. Finalmene, dunque, quattro di loro si sono ribellati. Stiamo parlando di Jennifer Becerra, Montinique Dever, Andrea Bourke e Lauren Benge, che si sono riuniti in una class action, denunciando anche i turni di lavoro stremanti ai quali vennero sottoposti.

I ritmi di lavoro imposti da Ramsay erano a dir poco frenetici. Le pause erano minime. In altri termini, i cuochi di Ramsay erano trattati come ‘animali’ o, se si vuole, come ‘robot’.

Ramsay, dunque, finisce nuovamente in tribunale.

Ci era già stato ad aprile, chiamato in giudizio per ben due volte a causa di ritardi nei pagamenti alla società che si era occupata di ristrutturare proprio il suo ristorante nonché per un presunto mancato pagamento di una parcella da 75mila dollari al commercialista.

 

 

Tags:

Lascia una risposta