Home / Curiosità / Guardate come questo nomade del mare pesca restando sott’acqua per più di 3 minuti (video)

Guardate come questo nomade del mare pesca restando sott’acqua per più di 3 minuti (video)

Un documentario molto interessante andato in onda su BBC Planet, ha mostrato gli stili e le abitudini di vita di un pescatore della tribù Sama-Bajau, un popolo nomade che vive sul mare e lì morirà. Li chiamano “zingari del mare“, abitano in palafitte o su barche attrezzate a casupole, pescano sott’acqua, sono sostanzialmente degli uomini-pesce mezzi sordi e con una vista adattata alle profondità marine. Un video cattura uno di questi pescatori mentre pesca restando sott’acqua per più di 3 minuti – e c’è chi arriva fino a 5 minuti di apnea. 

Forse, però, non è l’apnea a rendere più sconcertati chi guarda questo video, quanto la capacità di quest’uomo nel resistere a una pressione tale che a molti pescatori sott’acqua causa rotture del timpano. Il cacciatore-pescatore in questione, di nome Sulbin, scende infatti a una profondità di 65 piedi, dove resta per un po’ di tempo: più di 180 secondi, per l’appunto, ma c’è anche chi arriva a circa 300 secondi di permanenza a quelle profondità.

La tribù dei Sama-Bajau è sempre più povera di elementi, tuttavia continua a vivere secondo le proprie abitudini che vedono il mare come loro unico universo. Tra la Malesia e l’Indonesia, questi pescatori sono mezzi sordi – a causa della pressione che sono costretti a subire sott’acqua – e hanno i muscoli dell’occhio deformati, che tuttavia gli permettono di vedere sott’acqua meglio che qualsiasi altra persona.

E’ un caso di adattabilità dell’uomo all’ambiente, piuttosto che il contrario: questi pescatori fanno centinaia di immersioni all’anno, portando alla superficie molti prodotti alimentari marini e non solo, visto che trafugano perle e oggettistica varia. Guardate il video e restate impressionati come lo siamo stati noi.