Home / Curiosità / I Dire Straits ritornano: tour nel 2016 con un’anima un po’ italiana

I Dire Straits ritornano: tour nel 2016 con un’anima un po’ italiana

Ci sono nomi che evocano fascino, suggestione, ricordi, soprattutto se questi nomi ci ispirano note musicali e canzoni che conosciamo a memoria: forse è per questo che il ritorno dei Dire Straits emoziona e non poco. Assente da più di 20 anni a causa della decisione del leader Mark Knopfler, che ha poi intrapreso una carriera da solista, il ritorno dei Dire Straitsavverrà sotto il nome di Dire Straits Legacy, formata anche da due italiani, che intraprenderanno un tour nel 2016 che toccherà anche l’Italia. 

Tra i componenti dei “nuovi” Dire Straits compaiono Phil Palmer alla chitarra, Alan Clark alla tastiera, Danny Cummings e Steve Ferrone alla batteria, Mel Collins al sassofono e poi due italiani: il fedelissimo di Knopfler, il romano Marco Caviglia alla chitarra, e Primiano De Rose alla tastiera. Tra i progetti e gli impegni previsti dai DSL (Dire Straits Legacy) un tour internazionale che avrà inizio a maggio 2016, anticipato però da due date in Italia.

I Dire Straits Legacy infatti si riuniranno il 4 febbraio all’Atlantico di Roma e il 7 febbraio al Fabrique di Milano: date nelle quali i fan dell’ormai celebre gruppo potrà riascoltare le note di brani immortali, come Romeo and Juliet, Moneyfor Nothing, Tunnel of Love, Sultans of Swing, e ovviamente anche altri brani non così celebri ma che i fan del gruppo conosceranno sicuramente, come ad esempio On Every Street e When It Cames To You.

L’obiettivo del nuovo gruppo è quello di far proseguire lo straordinario ritmo e l’ineguagliabile strada avviata dai Dire Straits più di 20 anni fa. Lo dice lo stesso Phil Palmer, concorde con i suoi colleghi: “Raccogliamo l’eredità della band che ha cambiato il modo di fare musica”, queste le loro parole. E la voce di Mark Knopfler da chi sarà sostituita? Dal nostro Marco Caviglia, che su una reunion dei Dire Straits con Knopfler si pronuncia così: “Le operazioni nostalgia non mi interessano”. Insomma, c’è anche un bel po’ di anima rock italiana nei nuovi Dire Straits.

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *