I diversi tipi di sale

24 marzo 2013 12:150 commentiDi:

Il sale, come lo zucchero, è in genere considerato dagli esperti di marketing uno dei pochi prodotti no brand in commercio. Ma da qualche tempo a questa parte questo assunto non sembra poi così vero. Arrivano sempre più di frequente, infatti, dalle diverse parti del mondo, tante tipologie differenti di sale, che si distinguono per colore e per proprietà e che sono andate a scalzare il primato del classico sale bianco a cui siamo abituati, quello marino.

> Scoperto dolcificante senza calorie

Ma quali sono questi diversi tipi di sale che è possibile trovare ormai in commercio, con tanto di etichette e proprietà ben in vista?

Il primo tipo di sale di cui ci occupiamo è il sale rosso. Il sale rosso, ad esempio, arriva dalle Hawaii e il suo caratteristico colore gli viene dato da un’argilla di origine vulcanica tipica di quelle zone. E’ particolarmente indicato per condire il pesce grigliato.

> Che cos’è la stevia

Il secondo tipo, invece, è il sale blu, che arriva dall’Iran, ovvero dall’antica Persia ed è molto ricco di cloro e di potassio. A differenza degli altri sali in commercio il sale blu è molto sapido, quindi andrebbe usato con moderazione. Il suo caratteristico colore lo rende particolarmente adatto per essere usato anche per decorazione.

Tags:

Lascia una risposta