Home / Curiosità / I giorni della merla: perchè si chiamano così? Sono davvero i più freddi?

I giorni della merla: perchè si chiamano così? Sono davvero i più freddi?

L’ondata di freddo e gelo che ci ha accompagnato in questi ultimi giorni imbiancando gran parte del  nostro paese sembrerebbe essere passata. In realtà quelli che dovrebbero essere i giorni più freddi dell’anno devono ancora arrivare. Si tratta dei Giorni della Merla che corrispondono al 29, 30 e 31 gennaio. L’origine di questa espressione non è certa e tante sono le storie ad essa legate. Pare che una merla di colore bianco per riparare se stessa e i suoi pulcini dal freddo si sarebbe rifugiata in un camino. Il primo febbraio, quando le temperature sarebbero diventate meno rigide, essa uscì dal camino completamente ricoperta di fuliggine. Secondo la legenda è per questo motivo che tutti i merli, da quel giorno, sono neri. Un’altra storia ha come protagonista una merla bianca e la personificazione del mese di Gennaio. Secondo la leggenda, Gennaio, non appena la merla decideva di uscire dalla sua tana per procurasi il cibo, si divertiva a ricoprire il terreno di neve e gelo. La merla esasperata per i continui scherzi di Gennaio decise di procurarsi tantissimo cibo in anticipo in modo che per tutto il mese di Gennaio, che all’epoca durava solo 28 giorni, non dovesse mettere becco fuori dalla tana. La scelta mandò su tutte le furie Gennaio. Quest’ultimo per punire la merla aggiunse 3 giorni di gelo e neve al suo mese. La povera merla non solo dovette uscire per trovare altro cibo ma fu costretta a cercare un altro rifugio per ripararsi dalle temperature rigidissime. E così che entrò in un camino e, dopo i tre giorni di freddo, ne uscì completamente nera.  Anche secondo questa storia, da quel momento tutti i merli divennero di colore nero. Secondo Sebastiano Pauli, invece, tale espressione  deriva da un problema di trasporto verificatosi durante una guerra.  Pare che i soldati, durante gli ultimi giorni di gennaio, avessero grosse difficoltà a spostare, al di là di un fiume, un cannone chiamato la Merla. Il grande freddo di quei giorni fece gelare le acque del fiume e così i soldati riuscirono più facilmente a trasferire il cannone. Questa storia è riportata nel libro intitolato “Modi di dire toscani ricercati nella loro origine”. Ad ogni modo speriamo che gli ultimi giorni di gennaio non siano peggiori degli ultimi dello scorso anno.

I GIORNI DELLA MERLA GENNAIO/FEBBRAIO 2015: CHE TEMPO CI ASPETTA?

Osservando le dinamiche evolutive verrebbe da rispondere no, non saranno i giorni più freddi dell’anno secondo le previsioni meteo delle ultime ore. Abbiamo dato uno sguardo ai più autorevoli modelli previsionali e appare evidente la permanenza di una configurazione barica non dissimile dall’attuale.  Farà il freddo giusto ma non ci sarà il gelo che abbiamo già provato nei giorni vicini al Capodanno.

Loading...