I Lego cambiano espressione

12 giugno 2013 20:340 commenti

legoChi è cresciuto con i Lego è abituato a vedere gli omini gialli sorridenti. A breve, si tratterà di un lontano ricordo. I nuovi ‘pupazzetti’ del brand hanno infatti espressioni adirate o ‘preoccupate’, posseggono armi che stringono in pugno o ancora si trovano al comando di mezzi da combattimento. Sono dunque cambiati gli omini della Lego. La vera e grande novità è che non ridono più.

Se lo fanno, per essere precisi, lo fanno molto meno di prima. A dimostrare questa ‘strana’ inversione di tendenza è uno studio condotto dall’Università di Canterbury.


Lo studio ha esaminato seimila piccoli omini gialli, prodotti dall’azienda danese durante più di trent’anni di attività.

I dati scaturiti dallo studio enunciano che nel 1980 tutti gli omini prodotti dall’azienda con sede in Danimarca avevano un espressione felice. Alcuni anni dopo l’espressione facciale è cambiata.

Dall’89 in poi, infatti, la varietà di espressioni facciali proposte dall’azienda per i suoi personaggi ha iniziato a crescere e il numero di quelli con un’aria felice ha iniziato a calare.

Verso la metà degli anni Novanta, solo l’80% degli omini era rimasto con il sorriso in faccia. Una percentuale diminuita nel 2010 al 50%. In altri termini soltanto un omino su due è felice.

Tutti gli altri mostrano solo sorrisi enigmatici, sguardi cupi, smorfie di disappunto e sopracciglia aggrottate.






Tags:

Lascia una risposta