Home / Curiosità / Il Cinema secondo Andrea Bocelli: 16 soundtrack per la sua voce

Il Cinema secondo Andrea Bocelli: 16 soundtrack per la sua voce

Si intitola Cinema il nuovo album di Andrea Bocelli, un titolo emblematico che rispecchia la passione del noto artista italiano, non il cinema, ma le musiche dei film, le colonne sonore, le classiche soundtrack, potenti e straordinarie. Un album che, confessa Bocelli giunto ormai alla sua quindicesima avventura negli studios, desiderava tanto fare, perché rapito dalla bellezza di certe musiche, capaci “di toccare l’anima anche di chi non ha visto il film”. 

Uscito contemporaneamente in 75 Paesi, Cinema di Bocelli comprende molte colonne sonore conosciute ai più e cantate in compagnia di Ariana Grande e Nicole Scherzinger, ma soprattutto stupisce la diversità delle lingue cantate, che investono i 16 brani presenti nell’album, visto che ivi spiccano ben 5 lingue diverse, tra cui figura anche il dialetto siciliano.

Si passa così dal Padrino a La vita è bella, da Profumo di donna a Evita, da C’era una volta in America a West Side Story, da Malèna a Cappello a Cilindro. Per Bocelli, il minimo comun denominatore che lega tutti i brani è “la bellezza“.

“Adoro l’idea che la musica possa attraversare diverse generazioni. Cantare con Ariana, idolo del mio secondo figlio,  stata una bella sorpresa”, ha affermato Bocelli, molto entusiasta del suo ultimo lavoro, nel quale peraltro duetta anche con la moglie Veronica Berti nel brano Cheek to Cheek tratto da Cappello a Cilindro.

E a proposito di diverse generazioni, Bocelli parla anche delle nuove generazioni, soprattutto quelle che lo hanno eletto a loro idolo e punto di riferimento, come ad esempio il trio di Il Volo: “Sono bravi e il tempo ci dirà di che pasta sono fatti. Tuttavia li invidio perché sono in tre e possono dividere il lavoro in tre: io invece, devo fare tutto da solo”, ha chiosato scherzando.

Loading...