Home / Curiosità / Il rifacimento di “Suspiria” fa tremare pure papà Dario

Il rifacimento di “Suspiria” fa tremare pure papà Dario

Dimenticate la tenerezza, che unisce due giovani in una calda estate e nel più intenso degli amori, raccontata in “Chiamami col tuo nome” (Call me by your name);mettete da parte anche le atmosfere glamour e assolate del precedente “A bigger splash”. Il nuovo film di Luca Guadagnino, “Suspiria”,è digenere completamente diverso e si distingue per le atmosfere cupe. Non poteva essere altrimenti, visto che si tratta di un omaggio al capolavoro del 1977 di Dario Argento. Il rifacimento firmato da Guadagnino promette di essere inquietante come o forse più dell’originale: lo si evince già dal primo trailer pubblicato ieri sui social da Amazon Studios, che distribuisce la pellicola.

Suspiria debutterà il primo settembre, in concorso nella selezione ufficiale al prossimo Festival del cinema di Venezia, ma approderà nelle sale in autunno. La trama rispecchia l’originale di Argento:la protagonista,Dakota Johnson,interpreta la ballerina americana Susie Bannion, che si trasferisce in Germania per entrare nella prestigiosa compagnia Markos Tanz e studiare danza presso l’algida Madame Blanc,a cui dà il volto Tilda Swinton (attrice feticcio di Guadagnino). Naturalmente,come i fan di Dario Argento ricorderanno, dietro l’esclusiva istituzione si nasconde una potente setta di streghe. Susie viene a conoscenza di terrificanti storie su una setta di streghe dominate dalle tre figure Mater Suspiriorum, Mater Tenebrarum e Mater Lacrimarum (le stesse al centro della storica Trilogia delle Madri di Argento).

Nel cast spiccano, inoltre, i nomi di Chloë Grace Moretz, Mia Goth e Jessica Harper (già protagonista della pellicola originale). Le musiche sono di Thom Yorke, leader del gruppo rock Radiohead. Il film,che è stato girato per gran parte nell’Hotel Campo dei Fiori di Varese, uscirà in America il 2 novembre. Per l’avvento nelle sale italiane,invece, non ci sono ancora date ufficiali. Tante le scene dabrivido anticipate nel trailer,ambientato nella Berlino degli anni Settanta, come quella della ragazza col volto schiacciato contro uno specchio. La regia di Guadagnino si coglie nella raffinatezza dei dettagli e nello stile elegante dei personaggi: la necessità di mantenere sinistro il tono della narrazione non esclude un senso estetico profondo, che emerge anche dalle scene dedicate alla danza e al balletto. In una recente intervista a Elle, Dakota Johnson ha raccontato di essersi rivolta a uno psicologo dopo aver recitatoin Suspiria: «Girare questo film mi ha incasinata così tanto che sono dovuta andarein terapia. Stavamo in un albergo abbandonato, in cima a una montagna. Sul tetto, c’erano trenta ripetitori e l’edificio era pervaso dall’elettricità.Ci si dava la scossa a vicenda non appena capitava di sfiorarsi, faceva un freddo cane e il clima era secco»

Loading...