Il vulcano più grande della terra

6 settembre 2013 11:270 commenti

tamu

C’è da aggiornare la classifica dei vulcani più grandi del mondo. Al primo posto non c’è più il Mauna Loa delle Hawaii, con i suoi 5.180 chilometri quadrati di superfice, bensì un gigante eruttivo molto più grande, scoperto nei fondali marini dell’oceano Pacifico, a quasi 1.600 chilometri a est dal Giappone nel rilievo Shatsky.

Il vulcano in questione prende il nome di massiccio Tamu, ed occupa uno spazio di 310 mila chilometri quadrati. In altri termini, il massiccio Tamu è di poco più grande della superficie dell’intera Italia e si è formato 145 milioni di anni fa. Dopo vent’anni di studi è stato appurato che si tratta di un unico vulcano a scudo e non di un insieme di vulcani. Ciò lo rende il più grande sulla superficie terrestre. Per osservare qualcosa di più grande bisogna alzare gli occhi al cielo, munirsi di un buon telescopio e osservare Marte.

La struttura, bassa e larga, ha una forma anomala. Differente da qualsiasi altro vulcano sottomarino ed è probabile che possa fornire alcuni indizi su come si sono formati i grandi vulcani sotto il mare. Insomma, è così ampio che, malgrado si elevi dalla base per oltre 4 mila metri, ricorda una collina più alta dello standard, con la cima che si trova a poco meno di 2 mila metri sotto il mare.

La sua strana conformazione si deve alle caratteristiche della lava. I fiumi di materiale incandescente (fuoriuscito nel passato) erano molto densi, spessi fino a 22 metri e potevano percorrere lunghe distanze. Ora il vulcano è spento da oltre 130 milioni di anni. Tuttavia, il magma che ha eruttato doveva provenire dal mantello terrestre.

Tags:

Lascia una risposta