In arrivo la birra alla cocaina

17 maggio 2013 11:160 commentiDi:

coltivazioni-di-coca

Si chiama Ch’ama ed è una birra che ha una strana caratteristica: oltre ad essere prodotta con i soliti ingredienti, è addizionata con foglie di cocaina.

Ma non si tratta di un nuovo tipo di droga a buon mercato, ma di una bevanda che sta prendendo piede in alcuni paesi dell’America Latina, come Bolivia, Cile e Perù, paesi che, notoriamente, vivono soprattutto di coltivazione e commercio di questa pianta.


Questa speciale birra viene utilizzata sia dalla popolazione locale che dai turisti per mitigare gli effetti frastornanti dell’altitudine che, in questi paesi, è piuttosto elevata.

I produttori locali di birra la vendono anche ad un prezzo molto abbordabile, praticamente lo stesso al quale si possono acquistare le birre in tutti gli altri paesi del mondo: 3.60 dollari alla bottiglia.

Certo, date queste sue caratteristiche la bevanda, che al momento è commercializzata solo in Bolivia, Cile e Perù, non ha molte possibilità di essere esportata anche all’estero, anzi, molto probabilmente la sua produzione e commercializzazione sarà vietata anche in questi paesi, dato le tante polemiche da parte degli Stati Uniti, principali destinatari della droga prodotta in questi paesi.






Tags:

Lascia una risposta