Intrappolato sotto la neve per due mesi, sopravvissuto

20 febbraio 2012 08:000 commenti

Peter Skyllberg rimane intrappolato sotto una fitta coltre di neve per ben 2 mesi e seppur molto provato e denutrito, ne è uscito indenne. Tutto è accaduto il 19 dicembre, quando dopo una tormenta, è rimasto letteralmente sepolto vivo con la sua auto sotto la neve. Si trovava in una strada isolata e nessuno si era accorto della sua presenza così per circa sessanta giorni il povero quarantacinquenne si è dovuto cibare di neve ed ha dormito in un sacco a pelo che fortunatamente aveva in auto.


Venerdì è avvenuto il ritrovamento e i medici hanno accertato che per essere stato intrappolato per ben 2 mesi sotto la neve, le sue condizioni fisiche sono più che buone a parte un ovvio stato di denutrimento. Non sembrava fosse possibile rimanere per così tanto tempo senza mangiare e soprattutto esposti a delle temperature che arrivano anche a sfiorare i meno 30 gradi. La spiegazione al suo essere sopravvissuto in così pessime condizioni non è cosa semplice da dare. Fatto sta che per 60 giorni il suo unico pasto è stata la neve e la particolare cappa d’aria creatasi attorno all’auto avrebbe creato una sorta di effetto igloo in grado di isolare termicamente l’uomo dalle temperature ancora più rigide dell’esterno.






Tags:

Lascia una risposta