Home / Curiosità / Isabella d’Este torna finalmente a casa, un Leonardo di grande valore

Isabella d’Este torna finalmente a casa, un Leonardo di grande valore

Sequestrato in Svizzera, dove era stato trasportato illecitamente, un dipinto attribuito a Leonardo Da Vinci (e comunque risalente alla sua epoca). Si tratta nello specifico di un ritratto di Isabella d’Este eseguito ad olio su tela. La tecnica della fluorescenza lo collega alla mano di Leonardo Da Vinci anche se ovviamente saranno necessarie accurate perizie tecniche per confermarne la paternità. I controlli sono quasi un atto dovuto per accertarsi che il ritratto in oggetto sia davvero quello del grande maestro e genio italico, Leonardo.

Ora che il quadro rientrerà a casa  si faranno dunque tutte le verifiche del caso ma intanto possiamo già parlare di una vittoria per l’arte italiana. Certo è che si tratta di un dipinto di grande valore posto che all’estero veniva commercializzato “per centinaia di milioni di euro”. Il sequestro è avvenuto grazie alle indagini della Guardia di finanza di Pesaro e dai carabinieri del Nucleo tutela patrimonio artistico di Ancona coordinate dal procuratore capo della Repubblica di Pesaro Manfredi Palumbo. Dell’opera d’arte si erano perse le tracce da secoli. I capi di accusa addebitati vanno dall’ associazione per delinquere finalizzata all’illecita esportazione di opere d’arte in assenza di licenza di esportazione alla commissione di truffe in danno di società di assicurazione. Una coincidenza temporale sul ritrovamento lo rende ancora più curioso per gli appassionati di arte: la data coincide infatti stranamente con quella del quarantesimo anniversario del clamoroso furto a Palazzo Ducale di Urbino di tre inestimabili capolavori della storia dell’arte italiana ed esattamente ‘La Muta’ di Raffaello, la ‘Flagellazione’ e la ‘Madonna di Senigallia’ di Piero della Francesca. I tre quadri furono infatti rubati nella notte tra il 5 e il 6 febbraio 1975 e ritrovati il 23 marzo 1976 in un hotel di Locarno, sempre in Svizzera. Si tratta però solo di una casualità: i due furti infatti non sono collegati in nessun modo se non per questa data.